Supercoppa, Benítez: “È stata la vittoria più bella”

-

Dopo la conquista della Supercoppa contro la Juventus in Qatar, Rafa Benítez non nasconde la sua immensa gioia per il secondo titolo vinto dal Napoli nel 2014 (dopo la Coppa Italia): “È stata la vittoria più bella. Stasera sono contento per i ragazzi, per il mio staff e per tutta la Società. Volevamo regalare una gioia ai tifosi e abbiamo giocato anche per loro, dando il massimo e non mollando mai”.

Secondo il tecnico spagnolo parte del merito va attribuito anche al presidente della squadra partenopea: “La vicinanza del Presidente De Laurentiis ci ha dato ancora più forza, ha conferito fiducia ed entusiasmo alla squadra ed è stata una serata importante anche per lui e per tutto l’ambiente azzurro”.

Un elogio in particolare anche per Higuaín, autore delle due reti che hanno permesso al Napoli di agguantare il pareggio, così come per il portiere azzurro: “Sono contento per la doppietta di Gonzalo che è un nostro campione fondamentale e sono felice alla stessa maniera per Rafael che ha mostrato il suo valore“.

Il tecnico spagnolo ha spiegato la scelta di schierare de Guzmán dal primo minuto: Mertens aveva dei problemini alla caviglia, ho preferito che cominciasse de Guzmán che ha risposto benissimo. Avevo in mente di inserire poi Dries a partita in corso e anche lui ha dato un grande contributo“.

Per Benítez si tratta di un grande successo anche a livello individuale: “Per me questa è la vittoria più importante. È il mio dodicesimo trofeo e sono felice di festeggiarlo con questa Società, con questa squadra e con i tantissimi tifosi napoletani che ci hanno dato sempre tanta forza. È un successo che dedico a loro“.

 

Florencia Lara Urso
Florencia Lara Urso
Italo-argentina classe 1993, aspirante giornalista sportiva. Amante del calcio, predilige in particolare quello italiano ed europeo. Vive di Inter e musica, e studia giornalismo all'Università di Messina.

MondoPallone Racconta… Bruno Metsu ed il suo Senegal

Nella notte tra lunedì e martedì è scomparso Bruno Metsu, che conobbe fama nel 2002 alla guida del Senegal. Un tuffo nella memoria per...
error: Content is protected !!