Verso Brasile 2014: l’Arena da Baixada di Curitiba

A circa un mese dal via della fase finale dei Mondiali di Brasile 2014, iniziamo la nostra marcia di avvicinamento al calcio d’inizio con la presentazione delle città ospitanti e dei relativi impianti, in cui si disputeranno le 64 partite del torneo. Questo è il turno dell’Arena da Baixada di Curitiba.

LA CITTÀ OSPITANTE: Curitiba (PR)

curitiba-parana-brasile-wiki-pp

Capitale dello stato del Paraná, Curitiba è la città più popolosa del sud del Brasile con poco più di 1,7 milioni di abitanti. Fondata il 29 marzo del 1693, per le sue politiche volte alla sostenibilità è considerata la capitale ecologia del Paese. Per contenere la crescita incontrollata della città, Curitiba ha vissuto molteplici piani urbanistici e diverse normative che l’hanno resa famosa a livello internazionale per le innovazioni urbane e la cura dell’ambiente.

Oltre ad avere alti livelli di istruzione, con la qualità più alta tra le capitali brasiliane e il tasso di analfabetismo più basso, è anche la dodicesima più violenta del Paese. Il clima della città è prevalentemente temperato, con medie invernali intorno agli 11° e medie estive sui 23°, ma sono comuni gli sbalzi notevoli di temperatura, pure all’interno della stessa giornata.

Inizialmente, a livello demografico, Curitiba era il risultato dei tre gruppi etnici di base che compongono la popolazione brasiliana: gli indios d’America, gli europei e i neri d’Africa. Nel corso del XIX secolo, però, ha subìto una massiccia immigrazione di italiani, tedeschi, polacchi, ucraini e giapponesi che han così creato un “brodo” culturale pressoché unico, che caratterizza la popolazione, i suoi valori e il suo stile di vita.

I tanti italiani emigrati nella capitale paranaense provenivano principalmente dalle regioni del Veneto e del Trentino, creando nel quartiere di Santa Felicidade il centro nevralgico della folta comunità proveniente dall’Italia. Lo stato del Paraná ha anche la comunità slava più grande del Paese, oltre che una consolidata presenza ebraica: furono molti gli studiosi ebrei tedeschi che fuggirono dai nazisti, direzione Curitiba, durante la seconda guerra mondiale.

TRADIZIONI CALCISTICHE

Due sono sostanzialmente i club più importanti di Curitiba, il Coritiba – fondato nel 1909 – e l’Atlético Paranaense, datato 1924. Entrambe le squadre possono fregiarsi di un successo in Série A: stagione 1985 per il Coxa, nel più recente 2001 per i Rubro-Negro. Quasi la medesima sorte anche in Copa do Brasil, con i Verdão beffati nella doppia finale nel 2011 e nel 2012 e l’Atlético a “sostituirli” nel ruolo di vice campione nel 2013. Il Furacão ha sfiorato anche un trionfo in Libertadores nel 2005, battuto nello scontro decisivo dai connazionali del São Paulo.

A livello statale, il Coritiba domina il campionato paranaense con 37 trionfi, contro i 22 dell’Atlético-PR. Le sfide stracittadine tra i due team, che attualmente militano in Série A, danno vita al vibrante Atletiba, il principale clássico del Paraná. Da non dimenticare anche il club omonimo dello stato, il Paraná per l’appunto: di recente fondazione (1989), milita in Série B e può già vantare 7 titoli statali.

LO STADIO: Arena da Baixada

Capienza: 41456 spettatori
Capienza: 41456 spettatori

La storia dell’Estádio Joaquim Américo Guimarães, meglio noto come Arena da Baixada, inizia 100 anni fa, quando Guimarães, l’allora presidente dell’Internacional di Curitiba, decise la costruzione dello stadio. Fu inaugurato il 6 settembre 1914 col nome di Baixada da Água Verde: dieci anni più tardi, dalla fusione tra l’Internacional e l’América-PR, nacque l’Atlético, che ereditò lo stadio ribattenzandolo col nome del suo ideatore.

Dal dicembre 1997 l’impianto subì un primo grande rimodernamento, che terminò due anni dopo, con una seconda inaugurazione avvenuta il 20 giugno 1999. Questi lavori resero la struttura così sviluppata da portare a considerare l’Arena da Baixada lo stadio più moderno del Sud America; primato perso nel 2007, quando venne inaugurato l’Engenhão (Estádio Olímpico João Havelange).

Ciò nonostante, il complesso non poteva dirsi totalmente concluso: per ospitare la Coppa del Mondo l’impianto è stato dunque protagonista di una nuova ristrutturazione che, con l’aggiunta di un’altra gradinata parallela al campo, ne ha ampliato la capienza a 41456 spettatori. Lo stadio è stato quindi inaugurato – per la terza volta – il 14 maggio 2014 in un’amichevole tra Atlético Paranaense e Corinthians, vinta dal club paulista per 2-1.

LE PARTITE

L’Arena da Baixada sarà teatro di quattro sfide di Brasile 2014, tutte della fase a gironi. Australia-Spagna e Algeria-Russia chiuderanno i rispettivi gruppi, facendo da sipario ai Mondiali di Curitiba.

16/06/2014, ore 21:00; Iran-Nigeria (Girone F)
20/06/2014, ore 24:00; Honduras-Ecuador (Girone E)
23/06/2014, ore 18:00; Australia-Spagna (Girone B)
26/06/2014, ore 22:00; Algeria-Russia (Girone H)

banner-guida-ai mondiali-copyright-mondopallone-by-michael-paci-vietato-utilizzo-non-autorizzato

STADI – CITTÀ – TRADIZIONI CALCISTICHE – PROGRAMMA PARTITE
Capienza: 76804 spettatori Capienza: 68009 spettatori Capienza: 65807 spettatori Capienza: 64846 spettatori
Rio de Janeiro Brasilia San Paolo Fortaleza
Capienza: 62254 spettatori Capienza: 48849 spettatori Capienza: 48747 spettatori Capienza: 44248 spettatori
Belo Horizonte Porto Alegre Salvador Recife
Capienza: 42968 spettatori Capienza: 42374 spettatori Capienza: 42086 spettatori Capienza: 41456 spettatori
Cuiabá Manaus Natal Curitiba

banner-guida-ai mondiali-copyright-mondopallone-by-michael-paci-vietato-utilizzo-non-autorizzato

Condividi
Nato a Porto San Giorgio nel 1983, gira gli impianti del centro Italia come Match Reporter (basket, calcio e volley) per Perform Group. Polemico per natura e critico per vocazione.