Datome carica gli Azzurri: “Siamo padroni del nostro destino”

Il giorno dopo la sconfitta contro la Slovenia e quindi alla vigilia della sfida contro la Croazia, in programma domani alle 14.30 in diretta su Rai Sport, è tornato a parlare il capitano degli Azzurri, Gigi Datome: “Abbiamo perso un’occasione – commenta – per passare ai quarti di finale ma abbiamo ancora il destino nelle nostre mani e se alla vigilia dell’Europeo mi avessero detto che saremmo arrivati a giocarci un match così importante per entrare nelle prime otto squadre del Continente ci avrei messo la firma. La Slovenia con noi ha usato bene la taglia fisica a disposizione; non sono immensi come i turchi ma ci hanno messo in difficoltà sotto canestro e sugli esterni mettendoci le mani addosso e spingendo molto. Li conoscevamo per averli affrontati a Capodistria e concedere loro troppi rimbalzi ci ha danneggiato”.

Datome prepara poi il terreno in vista della Croazia: “Scontato dire che sarà una partita difficile – ammette Gigi – anche perché finora non abbiamo mai passeggiato. Il livello ora è ancora più alto del primo girone ma dobbiamo pensare a noi stessi e alla nostra partita. Repesa ci conosce per averci allenato? L’ho avuto 5 o 6 anni fa e sono molto cambiato da allora. Contro la Slovenia per la prima volta non abbiamo condotto noi il ritmo del match ma vogliamo tornare a farlo”.

Infine una menzione particolare dopo le 100 presenze toccate contro la Slovenia: “Ho esordito in Azzurro nel 2007 (a Bari, amichevole proprio contro la Croazia, n.d.r.) – ricorda il capitano – e sto diventando un po’ vecchiotto. Per me è sempre un onore vestire questa maglia e ogni volta sono sensazioni particolari. La più bella? Non vado molto indietro nel tempo, basta tornare a Sassari lo scorso anno. Contro la Turchia è stato fantastico e la schiacciata su Erden rimane la più bella in carriera“.

Condividi
Giornalista pubblicista nato a Moncalieri il 9/7/86, vive a Formia (LT). Vicedirettore di MondoPallone, telecronista, opinionista e co-conduttore del programma #FuoriGGioco. Adora il calcio estero e la NBA.