Pescara, Bucchi: “Non faremo sconti a nessuno”

Sono ormai a un passo dalla retrocessione matematica, ma non hanno alcuna intenzione di mollare. Trascinato da un tecnico emergente, il Pescara si appresta a tornare in B dopo solo un anno nella massima serie, ma lo vuole fare onorando il campionato. L’allenatore degli abruzzesi, Cristian Bucchi, ha parlato oggi in conferenza stampa e ha messo subito in chiaro alcune cose: “Andiamo a Genova per giocarci la nostra partita, non faremo sconti a nessuno e si è visto con la Roma. Daremo il massimo impegno per onorare la Serie A, nessuna partita è vinta o persa in partenza. Poi se il Genoa sarà più forte di noi vincerà, ma sarà il campo a dirlo. Posso capire i dubbi di Zamparini: sono discorsi che nelle ultime giornate si sentono spesso. Non posso certo convincerlo del fatto che daremo il massimo, ma io ne sono certo. Il Palermo, comunque, dovrebbe preoccuparsi della sua partita”.

Il tecnico ha parlato di alcuni elementi chiave, come Perin, giocatore di proprietà del Genoa, ma che domani parerà per il Pescara (“È tranquillo, deve solo pensare a parare. Quando sei un professionista e vieni dato in prestito, posso capitare queste situazioni”), per poi esprimere tutto il suo rammarico per le assenze prolungate in questa stagione di due gioielli come Weiss e Quintero (“Lo slovacco non sta bene, ha un problema serio. Lunedì fara una nuova risonanza, non ha senso rischiarlo. Lo stesso vale per Quintero”).

 

Condividi
Sardo di origini sicule, ama il calcio dalle “notti magiche” di Italia ’90. È laureato in Lingue con una tesi sulla lingua del calcio. Pubblicista, ha collaborato col periodico Vulcano e la tv sarda Videolina.