Napoli, Maggio: “Perdere il secondo posto sarebbe da stupidi”

-

Dopo essersi allontanato, per molti, dal sogno scudetto in seguito alla scontro diretto con la Juve di Conte, il Napoli deve pensare, adesso, a difendere il secondo posto da un Milan in grande risalita. Così la pensa Christian Maggio, difensore dei partenopei, ultimamente in crisi di risultati, ma non di gioco: “Non sta succedendo nulla, stiamo vivendo un periodo in cui i risultati non arrivano nonostante si crei molto. Stiamo regalando un tempo agli avversario in quest’ultimo mese e nella ripresa anche oggi non siamo riusciti a rimontare. Dobbiamo tirare fuori qualcosa in più ed essere più cattivi sotto porta. Dipende tutto da noi, anche se la pressione per la rimonta delle altre c’è: dobbiamo cercare di portare sempre il massimo a casa perché nessuno ci regala nulla. Le piccole contro di noi danno sempre il massimo e forse qualcosa in più, perché siamo entrati nel novero delle grandi. Siamo una squadra operaia con solo tre campioni in rosa. Quello che abbiamo fatto in questi quattro anni è qualcosa di incredibile e buttare via il secondo posto sarebbe da stupidi. Vogliamo ripartire subito per difendere la posizione. – continua Maggio parlando di Cavani e Mazzarri – Edi è un giocatore molto importante per noi anche se non sta vivendo un momento felice. Sono sicuro che presto tornerà a segnare con la solita continuità. Futuro di Mazzarri? Nello spogliatoio non pensiamo al suo addio. Lui affronta la settimana e le partite sempre al 100% e tiene lontani dalla squadra i suoi problemi. Se poi andrà via a fine stagione sarà una sua decisione, ma sono certo prima vorrà portarci ancora più in alto”.

Gaetano Zabbia
Gaetano Zabbia
Nato a Corleone l'1 luglio 1995, appassionato di calcio, ha già collaborato con MondoPallone ai tempi del vecchio sito. Collabora inoltre con tuttochampions.it dopo aver scritto anche per sportsbook24.net.

MondoPallone Racconta… Stephan Beckenbauer e i figli delle leggende

  Pochi giorni fa è scomparso prematuramente Stephan Beckenbauer, figlio del grande Franz. Nella sua parabola agonistica, come altri figli d'arte, ha dovuto sempre portarsi...
error: Content is protected !!