Niente da fare, Croazia troppo forte: Settebello d’argento

-

Ci ha provato il Settebello di mister Campagna a diventare campione olimpico vent’anni dopo quel favoloso Barcellona 1992. Ci ha provato,con grinta e determinazione, ma di fronte si è trovata una Croazia troppo forte, soprattutto in difesa, e che non ha lasciato scampo alla selezione di pallanuoto azzurra. 8-6 il risultato in favore dei balcanici guidati da Ratko Rudic (allenatore proprio dell’Italia di Barcellona con Campagna in piscina), ora primo ct a diventare campione olimpico con tre nazionali diverse.

Partiti più forte gli azzurri, portatisi sul 2-0. Poi però la Croazia è riuscita a rimontare costruendo la propria grande prestazione su una difesa alta e che non ha concesso assolutamente nulla ai nostri attaccanti. A nulla sono valsi i tentativi dalla distanza e a nulla è valsa la grande prestazione del nostro portiere Tempesti. Il Settebello deve accontentarsi dell’argento. La Croazia è la Nazione campionessa olimpica di pallanuoto maschile. Bronzo alla Serbia.

 

Marco Macca
Marco Macca
Vive a Formia (Latina) e studia Scienze della comunicazione a Roma. Collabora, oltre che con Mondopallone.it, con Calciomercato.it e con seriebnews.com.

Quella rovesciata vale!

  Alla 'tedesca', classico gioco di calcio infantile da giardinetti, era il gol che contava di più. A seconda dei parametri, valeva dieci, quindici o...
error: Content is protected !!