Copa Sudamericana, ancora Eduardo Vargas!
L’Universidad corsaro a Quito: battuta la LDU per 1-0

-

Nella finale di andata della Copa Sudamericana, l’Universidad de Chile vince in Ecuador contro la Liga Deportiva Universitaria de Quito e porta come bottino a Santiago, oltre che la vittoria, i favori del pronostico per la conquista del titolo.

Il gol per i cileni, allenati da Jorge Sampaoli, arrivava al 43′ del primo tempo: letale il contropiede degli ospiti con Eduargo Vargas che, servito in profondità, tagliava a metà la scoperta difesa ecuadoriana, anticipava il portiere in uscita ed appoggiava nella porta sguarnita la rete dello 0-1. Un minuto prima del gol, la squadra locale aveva fallito un’ottima chance con Barcos, che aveva deviato fuori un bel cross di Equi González, dalla destra. “Gol mangiato, gol subito”: legge non scritta, ma sempre attuale.

Nel primi minuti del secondo tempo erano ancora i cileni a rendersi più pericolosi, anche se l’occasione più chiara per segnare capitava, ancora una volta, a Barcos. Nel finale di gara la stanchezza, accentuata dall’altitudine (Quito si trova a circa 2.800 m s.l.m.), aumentava gli spazi, soprattutto nella difesa cilena, meno abituata a giocare a simili altezze; la LDU, però, non riusciva ad approfittarne ed, anzi, rischiava di subire il raddoppio di Rodríguez, innescato da un altro contropiede ospite.

La finale di ritorno verrà giocata a Santiago, il 14 dicembre, con l’Universidad de Chile che dovrà difendere l’uno a zero esterno, potendo sfruttare le ripartenze, loro punto di forza, per mettere al sicuro risultato e coppa. Alla Liga Deportiva Universitaria il compito di invertire il pronostico e riconquistare il trofeo vinto nell’edizione 2009.

LDU Quito (ECU) 0-1 Universidad de Chile  (CHI) → 43′ E. Vargas (U)

Francesco Davide Scafà
Francesco Davide Scafà
Da Porto San Giorgio a Milano, passando per Monaco di Baviera. Da scout per Perform a Data Editor per DAZN, a SMM per Forbes Italia, oggi gestisce social e comunicazione per Betclic Italia, parlando di sport ed eSports. Polemico per natura e critico per vocazione.

Quella volta che il Lugano sbancò San Siro, facendo lo sgambetto...

In assenza di calcio giocato, con lo stadio di Lugano (e non solo deserto), vale la pena di rispolverare qualche ricordo, anche di carattere...
error: Content is protected !!