Fantacalcio Serie A 2018/19: i Top 4 dell’11/a giornata

Scopriamo assieme quali sono stati i quattro migliori giocatori in ottica Fantacalcio dopo l’11/a giornata del campionato di Serie A 2018/19.

Porta – Salvatore Sirigu (Torino): bravissimo a intuire il lato giusto nell’occasione del rigore di Quagliarella, anche se il bomber blucerchiato è lesto a sfruttare la respinta corta e a insaccare. Di fatto, però, è un +2 preziosissimo, che si aggiunge a una prestazione più che sufficiente (6.5 per Fantagazzetta, 7 per la Rosea). Nel 2018, su 5 rigori ne ha parati 4. Tutto oro che cola per i fantallenatori che si sono affidati alle manone di super Sirigu.

Difesa – Alessio Romagnoli (Milan): dopo il gol al Genoa in pieno recupero, si ripete anche alla Dacia Arena contro l’Udinese. Stavolta al novantasettesimo e stavolta un gran gol. Scambio prolungato con Suso, poi decide di calciare in porta in maniera imparabile per Musso. Voti attorno al 7, con tre punti di bonus. Sempre più capitano, sempre più decisivo. E ora si comincerà a parlare di “zona Romagnoli”?

Centrocampo – Roberto Gagliardini (Inter): si può dire che abbia sfruttato alla grande l’occasione concessagli da Spalletti. Micidiale in area di rigore avversaria, la doppietta di sabato contro il Genoa gli vale un +6 di bonus, oltre a un voto puro che va dal 7.5 della Gazzetta, all’8 del Corriere dello Sport. Vero che i due gol messi a segno dall’ex Atalanta sono “facili”, ma bisogna pur trovarsi al posto giusto nel momento giusto. Una risorsa in più per il tecnico nerazzurro, che ora può contare anche su Gagliardini, un giocatore che, negli ultimi tempi, sembrava aver perso un po’ di fiducia nei propri mezzi.

Attacco – Dries Mertens (Napoli): la tripletta con la quale abbatte l’Empoli è meravigliosa. E meraviglioso è questo funambolo belga, che quando è in forma è devastante come pochi altri giocatori al mondo. Si inventa letteralmente i primi due gol (il secondo è pura poesia per la traiettoria a giro che riesce a imprimere al pallone) e mette la firma sul 5-1 con uno scatto bruciante, il tutto quando il cronometro segnava il minuto 93. Come se non bastasse, fa l’assist a Milik per il momentaneo 4-1. Dieci punti di bonus che si vanno ad aggiungere a un voto puro che non è certamente inferiore all’8. Uno spettacolo per i sensi.

Condividi
Sardo di origini sicule, ama il calcio dalle “notti magiche” di Italia ’90. È laureato in Lingue con una tesi sulla lingua del calcio. Pubblicista, ha collaborato col periodico Vulcano e la tv sarda Videolina.