Allsvenskan 25/a: raffica di pareggi in testa, vince solo l’Hammarby

Ultimo mese di partite, per l’Allsvenskan che, praticamente decisa in vetta, a meno di cataclismi, resta combattutissima per gli altri due posti del podio che valgono l’Europa, e per la retrocessione.

Nell’anticipo del venerdì, secca sconfitta in trasferta per il Dalkurd sul campo dell’Östersunds, che va a complicare la corsa salvezza della ex squadra del luganese Marzouk.

Il Sirius, invece, è riuscito, sabato, ad avere ragione, in casa, dell’Elfsborg. E pensare che i nerazzurri, dopo soli 20′, erano sotto di due gol, a causa di un’autorete di Bjorkstrom all’11’ e a un calcio di rigore trasformato da Obasi. I padroni di casa hanno però continuato a macinare il proprio gioco, andando a segno con Ogbu al 34′, rapido a riprendere una respinta del portiere su tiro di Lindberg, e pareggiando nel recupero con Gustafsson, sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Nella ripresa, il Sirius ha fatto sua l’intera posta, grazie a Saeid (63′) e Ogbu (72′).

Battaglia anche a Göteborg, con i padroni di casa subito in vantaggio con Ohlsson al 3′. Gli ospiti, però, non ci sono stati a fare da materasso: al 31′ Nilsson ha trovato il pareggio e, nella ripresa, sono passati in vantaggio all’80’ con un delizioso tocco sul secondo palo di Horberg. Nell’ultimo assalto, in pieno recupero, brutto fallo al limite di Jovanović su Hysen: espulsione diretta. Sul conseguente calcio di punizione, miracolo di Kharaishvili, che trova un pareggio importantissimo in ottica salvezza per i Blågul.

Raffica di pareggi, invece, nelle partite della domenica. Invariata, dunque, la situazione in testa, con l’AIK (in vantaggio nel primo tempo grazie a una rete di Olsson al 31′, smarcato solo davanti al portiere avversario da un delizioso tocco di Elyonoussi) raggiunto, in pieno recupero, da Rogić, autore di una stupenda conclusione a giro di destro. Da rilevare che i bianconeri, all’85’, avevano fallito un rigore (respinta coi piedi del portiere Linner) con Besara, concesso per un fallo di mano di Rashidi, nell’occasione espulso per doppia ammonizione.

Anche Norrköping e Djurgården hanno diviso la posta: allo sfortunato autogol di Danielsson al 10′, ha risposto Badji al 69′, sfruttando il perfetto assist dalla destra di Barkroth. Vendetta del’ex, invece, alla Bravida Arena. Il Malmö, passato in vantaggio al 47′ con Gall, bravo a sfruttare una seconda palla in area, è stato infatti raggiunto, al 71′, da Jeremejeff, che ha infilato, dalla breve distanza, un pallone che arrivava sugli sviluppi di un calcio d’angolo.

Infine, nel posticipo del lunedì, il Sundsvall ha continuato la sua bellissima cavalcata stagionale, regolando in casa il Kalmar, con un gol per tempo (al 31′ Botanero, servito in prossimità del dischetto del rigore da un pregevole colpo di tacco all’indietro di Myrestam, e al 78′ Haro, con un bel tiro dal limite, a coronamento di un veloce contropiede).

L’Allsvenskan, ormai, con 5 partite da giocare, sembra sempre più nelle mani dell’AIK che, anche quando perde colpi (come in questa occasione), ha la fortuna di non vedere gli avversari diretti avvicinarsi troppo: i gialloneri continuano, infatti, a mantenere otto lunghezze di vantaggio (nove, tenuto conto di una differenza reti favorevole nei confronti delle immediate inseguitrici, Norrköping e Hammarby).

Gli Gnaget, tuttavia, dovranno mantenere ancora alta la concentrazione, perché sono attesi da un calendario impegnativo. Alla ripresa dopo la pausa, infatti, se la dovranno vedere nel sempre insidioso derby alla Tele2Arena contro il Djurgården e, una settimana più tardi, riceveranno, alla Friends Arena, il Malmö. In caso di avvicinamento delle rivali dirette, si troveranno, poi, a fare visita all’Östersunds il quale, in queste ultime settimane, sta viaggiando a gonfie vele, e vorrà sicuramente fare bella figura davanti al suo pubblico. In definitiva, la Lennart Johanssons Pokal (il trofeo destinato alla squadra vincitrice del massimo campionato svedese: uno dei rari casi nei quali un uomo di sport venga celebrato in questo modo da vivo)  appare sicuramente indirizzata verso Solna. Tuttavia, attenzione a non inciampare.

Allsvenskan 2018 25/a giornata – risultati

Venerdì 5 ottobre

Östersunds-Dalkurd  3-0  (2-0)

Sabato 6 Ottobre

Sirius-Elfsborg  4-2  (2-2)
Göteborg-Trelleborgs  2-2  (1-1)

Domenica 7 Ottobre

AIK-Örebro  1-1  (1-0)
Häcken-Malmö  1-1  (0-0)
Norrköping-Djurgården  1-1  (1-0)  
Brommapoikarna-Hammarby  2-4  (1-1)

Lunedì 8 ottobre

Sundsvall-Kalmar  4-0  (2-0)

CLASSIFICA PROVVISORIA ALLSVENSKAN 2018 – 25/a GIORNATA 

Pos.SquadraGol fatti/subitiPunti|Pos.SquadraGol fatti/subitiPunti
1AIK46/1458|9Örebro30/2834
2Hammarby 48/2850|10Kalmar23/3129
3Norrköping40/2250|11Elfsborg24/3525
4Malmö45/2745|12Göteborg32/4525
5Östersunds44/2845|13Sirius29/5423
6Häcken49/2444|14Brommapoikarna18/5620
7Sundsvall43/2840|15Dalkurd27/5017
8Djurgården34/2937|16Trelleborgs20/5414

Legenda: qualificata ai preliminari di CL, qualificate ai preliminari di EL, allo spareggio per non retrocedere con la terza classificata in Superettan, retrocesse in Superettan

Condividi
Da bambino si innamorò del calcio vedendo giocare a San Siro Rivera e Prati. Milanese per nascita e necessità, sogna di vivere in Svezia, e nel frattempo sopporta una figlia tifosa del Bayern Monaco.