Entra Lautaro e segna Icardi. All’Inter bastano 4′ con la coppia argentina per liquidare la SPAL

L’iniziale vantaggio di Icardi grazie alla deviazione di Djourou, poi il pareggio nel finale di gara del solito Paloschi. Sembrava l’esatta copia di SPAL-Inter dello scorso anno con i Nerazzurri raggiunti dalla rete del neo entrato ex milanista, e invece è arrivata a 10′ dalla fine la doppietta del capitano argentino che, pescato da Perišić fissa il risultato finale sull’1-2.

Un’altra vittoria arrivata nei minuti finali per l’Inter di Luciano Spalletti, che porta a casa tre punti fondamentali per scalare le gerarchie della classifica. Si tratta della sesta vittoria consecutiva tra campionato e Champions League per i Nerazzurri, che dalla sconfitta a San Siro contro il Parma hanno decisamente invertito la rotta. Merito di una reazione d’orgoglio da parte di Nainggolan e compagni, che sembrano aver raggiunto la piena consapevolezza dei propri mezzi, ma soprattutto di una rosa più ampia rispetto a quella dello scorso anno, e che permette a Spalletti di aver più di un asso nella manica da giocarsi a partita in corso. A Ferrara, l’asso in questione l’ha perfettamente rappresentato Lautaro Martínez che, pur giocando un quarto d’ora e senza regalare grandissime giocate, è stato fondamentale per portare a casa il risultato. Non è un caso infatti che un minuto dopo dal suo ingresso in campo Icardi venga dimenticato dalla difesa della SPAL, colta di sorpresa proprio dalla presenza di un altro vero centravanti all’interno dell’area. Proprio uno dei primi movimenti del Toro libera il 9 Nerazzurro e permette ai due esterni, Perišić su tutti, di avere più spazio per tagliare verso il centro partendo da qualche metro più indietro. Una soluzione, quella del doppio centravanti, che Spalletti ha ampiamente studiato nel precampionato, ma che ha proposto dal primo minuto solo alla prima giornata contro il Sassuolo. Gli infortuni hanno di certo contribuito al mancato utilizzo di entrambi, ma anche con Lautaro tornato in pieno regime, il tecnico di Certaldo sembra non pensarci troppo. Le prestazioni di Nainggolan sulla trequarti per il momento convincono eccome, ma nel corso della stagione un suo utilizzo in mediana potrebbe essere utile, in un reparto che anche contro la SPAL ha mostrato qualche crepa.

La strada intrapresa dai Nerazzurri sembra comunque quella corretta, e Spalletti adesso vede più aspetti positivi che negativi. La vittoria contro la SPAL è un’altra prova tangibile dei miglioramenti fatti dall’inizio stagione, contro una squadra messa bene in campo e che ancora una volta ha dato del filo da torcere ai milanesi. Dopo la sosta arriva il derby contro il Milan in ripresa, e vedremo se anche in quel caso basterà ai Nerazzurri qualche minuto di tango argentino.

Condividi
Giornalista e telecronista, classe '96. Vincitore del Workshop 2017 di Sportitalia, malato di calcio italiano e non. Innamorato dello sport in generale, seguo anche il volley ed il tennis.