L’Albissola si butta via e l’Olbia ne approfitta; 2-3 il finale


ALBISSOLA-OLBIA 2-3

25′ Ceter (O), 64′, 66′ Ragatzu (O), 76′ Cais (A), 81′ rig. Martignago (A)


ALBISSOLA
(4-3-3) 
22 Albertoni  
25 Nossa
2 Rossini
23 Oprut
5 Balestrero
14 Sibilia ↓ (61')
19 Damonte ↓ (53')
3 Mahrous ↓ (61')
11 Bezziccheri ↓ (58')
9 Cais
24 Gibilterra
All. Fossati

SOSTITUZIONI
4 Sancinito (53')
17 Oukhadda (58') 
8 Raja (61')
7 Russo (61')
OLBIA
(4-3-1-2)
1 Crosta
14 Pisano 
21 Vergara
6 Iotti
2 Pinna
20 Muroni
13 Pennington ↓ (74')
8 Vallocchia
19 Biancu ↓ (86')
10 Ragatzu
7 Ceter ↓ (65')
All. Filippi

SOSTITUZIONI
17 Senesi (65')
18 Tetteh (74')
25 Martiniello (81')


Pirotecnico 2-3 tra Albissola e Olbia: sardi in completo controllo della gara fino al 65′ in virtù della rete di Ceter Valencia e della doppietta di Ragatzu. Poi, il buio. I Cavallucci Marini reagiscono, accorciano con Cais e Martignago su rigore e sfiorano il clmaoroso pari a tempo abbondantemente scaduto.

Si conclude quest’oggi la 1/a giornata del Girone A di Serie C e sarà la prima tra i professionisti per l’Albissola che dovrà vedersela al debutto contro l’Olbia. Una ascesa degna di rilievo quella dei liguri che in tre stagioni hanno scalato la montagna partendo dal campionato di Promozione. Fossati punta sul 4-3-3. Cais riferimento più avanzato, supportato da Bezziccheri e Gibilterra; nel 4-3-1-2 disegnato da Filippi, Biancu sarà il trequartista con licenza di svariare tra le linee di centrocampo e attacco formato da Ragatzu e Ceter.

Primi minuti dai ritmi lenti; l’Olbia prova a fare la gara, mentre i padroni di casa attendono e si difendono con ordine ma senza riuscire a orchestrare manovre particolarmente lineari. Davvero poco da raccontare se non normali schermaglie senza sussulti ed emozioni, se non al 22′ quando Pinna serve Ragatzu e l’attaccante manda fuori colpendo al volo. Al 25′ arriva il gol del vantaggio gallurese: Ceter Valencia recupera palla nella propria metà campo, avanza col pallone tra i piedi evitando una serie di avversari e scaglia un sinistro che si insacca alle spalle di Albertoni; Albissola-Olbia 0-1. Gli uomini di Filippi cercano di approfittare dello sbigottimento degli avversari e sfiorano il raddoppio alla mezz’ora: cross preciso per la testa di Ragatzu e provvidenziale intervento di Albertoni. I padroni di casa provano a reagire e vanno vicinissimi al gol al 36′ prima Cais di testa, poi Bezziccheri dal limite impegnano Crosta in un fenomenale doppio intervento. Passano solo pochi minuti ed è ancora Crosta a essere decisivo in due momenti: prima, Balestrero sfonda a destra e cerca l’inserimento di Bezziccheri con il portierone sardo che smanaccia in uscita; poi, ancora un intervento provvidenziale sulla conclusione da distanza ravvicinata sempre di Bezziccheri. Non accade altro degno di menzione e l’arbitro manda tutti negli spogliatoi con l’Olbia in vantaggio di una rete.

Prova a entrare in campo con un altro piglio l’Albissola, ma è l’Olbia a sfiorare il raddoppio: un rimpallo favorisce Ceter e destro potente di poco a lato dell’attaccante. Poche le vere e proprie occasioni da gol, la più clamorosa al 57′: Ceter riesce a incornare in tuffo da buona posizione e Albertoni risponde con grande tempismo. Poco dopo il 60′, uno-due micidiale degli ospiti: è Ragatzu a firmare la doppietta personale battendo Albertoni nel giro di due minuti. Nella prima occasione il centravanti converge da sinistra e batte di destro Albertoni; nella seconda, Biancu approfitta di uno svarione difensivo e serve il compagno per un comodo gol. Albissola-Olbia 0-3. Al 76′ l’Albissola salva quantomeno l’onore e accorcia le distanze: la zampata sotto misura di Davide Cais e primo gol in campionato. Albissola-Olbia 1-3. I padroni di casa trovano nuove forze e rinnovato vigore e trovano la rete che riapre l’incontro: Crosta stende Balestrero in area ed è rigore. Dal dischetto va Martignago e non sbaglia; Albissola-Olbia 2-3. Trascorrono solo un paio di minuti e addirittura gli anfitrioni sfiorano il clamoroso pari: colpo di testa di Balestrero da due passi sul cross di Sancinito e palla fuori di un niente. Nel corso dei ben sei minuti di recupero, è più l’Olbia a rendersi pericoloso alleggerendo la pressione e a conquistare i tre punti. L’Albissola si porta in avanti all’ultimo secondo ed è nuovamente Crosta a salvare su Martignago. Non c’è più tempo e il direttore di gara decreta la fine e la vittoria dell’Olbia per 3-2.

ALBISSOLA-OLBIA 2-3 (0-1)

Albissola (4-3-3): Albertoni 6, Nossa 5, Rossini 5, Oprut 5.5; Balestrero 6, Sibilia 5.5 (71′ Raja 6), Damonte 5.5 (53′ Sancinito 6.5), Mahrous 5.5 (71′ Russo 6); Bezziccheri 6 (58′ Oukhadda 6), Cais 6, Martignago 6. A disp.: Piccardo, Bambino, Gulli, Oliana, Calcagno, Bartulovic, Gargiulo, Gibilterra. All.: Fossati 6.
Olbia (4-3-1-2): Crosta 7.5; Pisano 6.5, Vergara 6.5, Iotti 6.5, Pinna 6.5; Muroni 6.5, Pennington 6.5 (74′ Tetteh 6),Vallocchia 6.5; Biancu 6.5 (86′ Martiniello 6); Ragatzu 7.5, Ceter 7.5 (65′ Senesi). A disp.: Van der Want, Marson, Pitzalis, Cusumano, Cotali. All.: Filippi 6.5.
Arbitro: Repace di Perugia.
Marcatori: 25′ Ceter (O), 64′, 66′ Ragatzu (O), 76′ Cais (A), 81′ rig. Martignago (A).
Note – Ammoniti: Rossini (A); Pennington (O).

Condividi
Giornalista, appassionato di storia, letteratura, calcio e mediani: quegli “omini invisibili” che rendono imbattibile una squadra. Il numero 8 come fisolofia di vita: grinta, equilibrio, altruismo e licenza del gol.