Alla soglia dei quaranta ma con il gol ancora nel sangue. La Carrarese si coccola gli eterni Maccarone e Tavano

A volte il calcio regala storie stupende, che si legano col passato e finiscono per sfociare nel romanticismo. Correva la stagione 2012/13. Dopo un’annata tribolata, salvata per il rotto della cuffia grazie al play-out vincente contro il Vicenza, l’Empoli riparte da Maurizio Sarri. L’attuale allenatore del Chelsea viene anche lui da una stagione sfortunata, nello specifico sulla panchina del Sorrento, terminata prematuramente a causa del suo esonero. Le prime giornate sono tutt’altro che facili. Anzi, mettono duramente alla prova il club toscano, diviso tra la fiducia nel tecnico e la penuria dei punti conquistati, appena quattro in nove incontri. Ma nonostante l’avvio difficile Sarri viene confermato e comincia a far vedere i lampi di quel suo gioco che sarebbe poi diventato famoso a livello nazionale e internazionale. La vera svolta è il passaggio al 4-3-1-2, con un giovane Saponara a ispirare le due punte.

Nella fattispecie i due attaccanti sono due vecchi “marpioni” dell’area di rigore. Due che dopo una carriera lontana da Empoli, si sono ritrovati a rivestire l’azzurro. Massimo Maccarone, 32 anni, è tornato in Toscana dopo le due opache stagioni con le maglie di Sampdoria e Palermo; Francesco Tavano, coetaneo di Big Mac, è reduce da un quadriennio nelle fila del Livorno. La reunion, per essere precisi, era avvenuta nel gennaio precedente, quando il presidente Corsi si era deciso ad acquistare Maccarone nel disperato tentativo di consegnare all’allenatore Aglietti un centravanti da salvezza. Ma è con Sarri, naturalmente, che i due ripetono magicamente i fasti di un tempo. Si intendono a meraviglia e trascinano la loro squadra alla conquista della finale play-off, poi persa col Livorno. Il secondo anno è quello della definitiva rinascita: a 33 anni suonati Maccarone e Tavano conquistano la A, segnando rispettivamente 15 e 22 gol.

Vista l’età la loro carriera sembra comunque agli sgoccioli. Invece no. Dopo alcune stagioni lontano, la storia è destinata a continuare. Si ritrovano per l’ennesima volta, voluti fortemente da un altro ex empolese, il tecnico Silvio Baldini, che crede che la coppia esplosiva possa funzionare ancora. A quasi 40 anni. Così per Maccarone e Tavano comincia una nuova avventura, sempre in Toscana, ma con la maglia della Carrarese in Serie C. Molti sono dubbiosi, altri sono più ottimisti, puntando sul fatto che la classe non si perde con gli anni. Così al momento del loro debutto, contro l’Arzachena, c’è molta curiosità. Il tecnico marmifero li sceglie entrambi dal primo minuto e, come per magia, i due lo ripagano con un gol a testa in appena mezzora. Al 7′ segna Maccarone, al 30′ lo imita Tavano. Poi la Carrarese dilaga, vince 5-1 e finisce sulla bocca di tutti. Il duo che fece esaltare i tifosi dell’Empoli è tornato a incantare. Nonostante l’età, nonostante lo scetticismo.

Condividi
Empolese e orgoglioso di esserlo, ha cominciato ad amare il calcio incantato dal mito di Van Basten. Amante dei viaggi, giocatore ed ex insegnante di tennis, attualmente collabora con pianetaempoli.it.