Da Prince a King: la metamorfosi di Boateng

Partenza sprint del Sassuolo che, dopo tre giornate di campionato, occupa il secondo posto solitario in classifica. I neroverdi inseguono a -2 la Juventus capolista e proprio domenica pomeriggio allo “Stadium” andrà in scena lo scontro di vertice tra le due compagini. L’avvento di Roberto De Zerbi sulla panchina emiliana sta dando i suoi frutti e, tra i principali meriti dell’ex tecnico del Benevento, vi è sicuramente quello di aver inserito alla perfezione il talento di Kevin-Prince Boateng nello scacchiere sassolese. Il nazionale ghanese è tornato in Italia dopo due stagioni positive vissute tra Spagna e Germania: prima al Las Palmas, trascinato alla salvezza in Liga con 10 reti e 5 assist in 28 gare, e poi all’Eintracht Francoforte, con cui ha vinto una Coppa di Germania collezionando complessivamente 36 gettoni conditi da 6 gol e 2 assist.

Nel suo 4-3-3 De Zerbi lo sta impiegando falso nueve, ruolo già ricoperto più volte in carriera e che, soprattutto nella parentesi alle Canarie, ha esaltato le sue caratteristiche. L’allenatore classe ’79 ne apprezza in particolare l’abilità nell’attaccare la porta e lo spirito di sacrificio nel contribuire anche alla fase difensiva. I numeri di questo avvio di stagione fanno ben sperare il Sasól: due reti e un assist in Serie A oltre a una rete in Coppa Italia. I compagni lo vedono come un punto di riferimento grazie alla grande abnegazione che mette negli allenamenti e in partita. All’esordio in campionato con l’Inter il palo gli ha negato la gioia del gol, ma la sua prestazione è stata molto positiva avendo messo in costante apprensione la difesa nerazzurra. Da vero leader ha trasformato il rigore allo scadere che è valso il 2-2 in casa del Cagliari, mentre contro il Genoa ha siglato il gol del momentaneo 1-1 e poi ha propiziato le successive due reti emiliane.

Dopo l’altalenante doppia esperienza al Milan, Boateng sta vivendo una seconda vita in Italia. Il feeling con mister De Zerbi è pressoché assoluto, i compagni lo vedono come un punto di riferimento e i tifosi stravedono per lui (ma anche per la sua compagna Melissa Satta, eh). Insomma, ci sono tutti gli ingredienti per vedere l’ex Schalke 04 grande protagonista di questo campionato. Rispetto al passato sta mostrando maturità e propensione al sacrificio, l’auspicio in casa neroverde è che si mantenga su questo livello di prestazioni. Un giocatore del suo calibro è in grado di far compiere un bel salto di qualità alla squadra, che, partita con l’obiettivo di salvarsi, comincia a strizzare l’occhio alla zona Europa. Sognare non costa nulla e, con un Boateng così, è più che lecito. Il “Prince” sta diventando “King”, la metamorfosi è in atto.

Condividi
Classe ’91, laureato in Scienze della Comunicazione a Roma 2. Calciofilo DOC, inviato per CalcioMercato.com, ha scritto anche per il sito ufficiale del Frosinone Calcio.