Fantacalcio Serie A 2018/19: alla scoperta di… Filip Bradarić

Nome: Filip Bradarić
Soprannome: –
Nazionalità: Croazia
Età: 26
Altezza: 186 cm
Nazionale:
Piede: destro
Ruolo principale: centrocampista centrale, mediano
Eventuali altri ruoli: esterno destro, trequartista
Valutazione calciomercato: 3,5 milioni
La nostra fanta-valutazione: ***

LA GUIDA COMPLETA CON I CONSIGLI PER L’ASTA

CARATTERISTICHE TECNICHE – Un vicecampione del mondo al servizio di Rolando Maran. Già, perché Filip Bradarić ha fatto parte della spedizione russa messa su da Zlatko Dalić, e se ha giocato solo 25 minuti nella terza partita del Girone contro l’Islanda è perché nel centrocampo croato ci sono mostri sacri come Modrić, Rakitić, Brozović, Kovačić e Badelj. Eppure, il ragazzo, a lungo corteggiato dalla Fiorentina, ora abbraccia la Serie A col Cagliari ed è pronto a dimostrare le proprie qualità. Mediano puro di ruolo, predilige giocare davanti alla difesa per sfruttare al meglio il proprio senso della posizione e le proprie abilità in fase di interdizione. Chiaramente, oltre al recupero palla, è in grado di impostare, perché dotato di una buona tecnica di base e di un destro capace di lanciare i compagni con precisione. Si gioca un posto con Cigarini, un giocatore notevolmente diverso rispetto al croato. Chi sarà, dunque, a dirigere il centrocampo rossoblù?

LA CARRIERA – Cresce calcisticamente nell’Hadjuk Spalato, ma fa il proprio esordio da calciatore soltanto nel 2011, quando viene ceduto in prestito al Primorac Stobreč, società che milita nella seconda divisione croata. Il ritorno a casa e l’esordio nel primo campionato croato avviene nel 2013 e il ragazzo in due stagioni mette su 48 presenze e 3 reti. Nel 2015 il trasferimento al Rijeka (132 presenze e 8 gol in quattro stagioni) dove Bradarić dà il meglio di sé, vincendo il titolo croato nel 2016/17 e conquistandosi la chiamata della Nazionale. E proprio con la Croazia un mesetto fa conquista uno storico secondo posto ai Mondiali, togliendosi lo sfizio di giocare uno spezzone di gara contro l’Islanda, nonostante una concorrenza agguerrita a centrocampo e con la quale obiettivamente non poteva competere. Il Cagliari crede in lui, visto che ha deciso di acquistarlo a titolo definitivo e probabilmente di affidargli le chiavi del proprio centrocampo.

LO PRENDIAMO AL FANTACALCIO? I dubbi legati all’ambientamento e alla titolarità del croato resteranno in piedi a lungo, anche perché Bradarić è arrivato da poco alla corte di Maran e avrà bisogno di tempo per metabolizzare gli insegnamenti del nuovo tecnico e trovare l’intesa con i compagni. Però abbiamo la sensazione che riuscirà a ritagliarsi uno spazio importante, anche perché è stato fortemente voluto dalla dirigenza rossoblù. Nonostante la posizione arretrata in campo, tra l’altro, in passato ha dimostrato una buona propensione al bonus: 17 gol e 20 assist in circa duecento gare disputate. Ma anche qualche cartellino di troppo. Se il prezzo non sale eccessivamente, può rivelarsi un buon colpo, almeno per la panchina.

Condividi
Sardo di origini sicule, ama il calcio dalle “notti magiche” di Italia ’90. È laureato in Lingue con una tesi sulla lingua del calcio. Pubblicista, ha collaborato col periodico Vulcano e la tv sarda Videolina.