FantaRussia 2018, il Fantacalcio dei Mondiali: i Top 4 delle finali

Vediamo quali sono stati i quattro migliori giocatori, ruolo per ruolo, dopo le finali dei Mondiali di Russia 2018.

Porta – Thibaut Courtois (Belgio): poco impegnato dai Tre Leoni, che sabato hanno ruggito poco e graffiato ancora meno. Tuttavia, il gigante belga è l’unico dei quattro portieri impegnati nelle finali a non aver subito gol, e questo basta e avanza per far sì che rientri di diritto fra i top di quest’ultimo turno. Tutti d’accordo, a cominciare dal nostro Ivan Fusto, nell’assegnargli una sufficienza piena per un clean sheet prezioso come l’oro.

Difesa – Thomas Meunier (Belgio): ha il merito di sbloccare la gara dopo pochi minuti con uno dei suoi classici inserimenti, e manca la doppietta personale per colpa di Pickford, che si oppone a un suo destro al volo al termine di un’azione meravigliosa dei Diavoli Rossi. A parte questo, una prestazione di livello nella quale ha brillato anche in fase di contenimento. Voto 7 assegnato dalle redazioni di MondoSportivo, Gazzetta e Fantagazzetta, al quale vanno aggiunti i tre punti di bonus per un 10 da urlo.

Centrocampo – Eden Hazard (Belgio): vedere giocare lui e De Bruyne è goduria allo stato puro. Nonostante lo storico terzo posto per la Nazionale belga, sorgono comunque dei rimpianti perché la truppa di Martínez ha espresso forse il miglior gioco di questo Mondiale. E Hazard ci ha messo decisamente del suo, non solo nella finalina per il terzo posto. Chissà se a Florentino Pérez sia piaciuto questo artista del calcio. A noi di MondoSportivo di sicuro, visto l’8 in pagella che gli abbiamo assegnato dopo la gara di sabato.

Attacco – Antoine Griezmann (Francia): unico rappresentante dei nuovi campioni del mondo in questa top 4, anche se avrebbero meritato un posticino pure Pogba e Mbappé. Le petit diable, ancora una volta, ha propiziato l’autogol di Mandžukić che ha sbloccato la gara e si è presentato dal dischetto dimostrando una freddezza glaciale per il punto del momentaneo 2-0. Poi una presenza costante, un punto di riferimento e una freccia velenosissima del contropiede francese. Signore e signori, forse abbiamo il nome del nuovo Pallone d’Oro dopo l’egemonia CR7-Messi. Voti alle stelle per lui: 7,5 per il nostro Elia Modugno, per il Corriere della Sera e per Fantagazzetta, addirittura 9 per la Gazzetta. Chapeau. 

Condividi
Sardo di origini sicule, ama il calcio dalle “notti magiche” di Italia ’90. È laureato in Lingue con una tesi sulla lingua del calcio. Pubblicista, ha collaborato col periodico Vulcano e la tv sarda Videolina.