Mondiali Russia 2018 – La classifica marcatori

Vincere la classifica marcatori del Mondiale è, per un attaccante, il “titolo non titolo” più ambito. Essere iscritti nel novero di coloro i quali abbiano segnato più gol in una rassegna mondiale consente di ottenere lo status di vera e propria icona di questo sport. Come Paolo Rossi nel 1982 con 6 gol; Lineker (Inghilterra) con 6 centri nel 1986; l’indimenticabile Totò Schillaci nel 1990 con 6 gol; Stoičkov (Bulgaria) e Salenko (Russia) nel 1994 autori di 6 reti; Šuker (Croazia) nel 1998 anch’egli con 6 realizzazioni; Ronaldo (Brasile) con 8 gol nel 2002, Klose (Germania) nel 2006 con 5 reti; quattro giocatori a pari merito nel 2010 (Müller, Villa, Sneijder e Forlán) e nel 2014 James Rodríguez (Colombia) con 6 centri. Il record assoluto appartiene al francese Just Fontaine che nel 1958, in Svezia, mise a segno ben 13 reti.

RISULTATI DELLE 64 PARTITE, MARCATORI, CLASSIFICHE GIRONI E TABELLONE

Classifica Marcatori – Mondiali Russia 2018

SEI RETI

Kane (3 rig) (Inghilterra).

QUATTRO RETI

Lukaku (Belgio); Mbappè e Griezmann (3 rig) (Francia); Cristiano Ronaldo (1 rig) (Portogallo); Cheryshev (Russia).

TRE RETI

E. Hazard (1 rig) (Belgio); Mina (Colombia); Perišić e Mandžukić (Croazia); Dzyuba (Russia) (1 rig) (Russia); D. Costa (Spagna); Cavani (Uruguay).

DUE RETI

Aguero (Argentina); Jedinak (2 rig) (Australia); Coutinho e Neymar jr. (Brasile); Son (Corea del Sud); Modrić (1 rig) (Croazia); Salah (Egitto); Inui (Giappone); Stones (Inghilterra); Musa (Nigeria); Granqvist (1 rig) (Svezia); Khazri (Tunisia); Suárez (Uruguay).

UNA RETE

Al-Faraj (1 rig) e Al-Dawsari (Arabia Saudita); Messi, Rojo, Di Maria e Mercado (Argentina); Mertens, Batshuayi, Januzaj, Vertonghen, Fellaini, Chadli, de Bruyne e Meunier (Belgio); Firmino, Paulinho, Thiago Silva e Renato Augusto (Brasile); Quintero, Falcao e Cuadrado (Colombia); Kim Young-gwon (Corea del Sud); Waston (Costa Rica); Rebić, Rakitić, Badelj, Vida e Kramaric (Croazia); Y. Poulsen, M. Jørgensen ed Eriksen (Danimarca); Pavard, Varane, Umtiti e Pogba (Francia); Reus e Kroos (Germania); Kagawa (1 rig), Ōsako, Haraguchi e Honda (Giappone); Lingard, Maguire, Alli e Trippier (Inghilterra); Ansarifard (1 rig) (Iran); Finnbogason e Sigurdsson (1 rig) (Islanda); Boutaïb ed En-Nesyri (Marocco); Lozano, Hernández e Vela (1 rig) (Messico); Moses (1 rig) (Nigeria); Baloy (Panama); Carrillo e Guerrero (Perù); Kyrchowiak (Polonia); Quaresma Pepe (Portogallo); Gazinskiy, Golovin e Fernandes (Russia); Niang, Manè e Wague (Senegal); Kolarov e Mitrović (Serbia); Nacho, Isco e Aspas (Spagna); Augustinsson, Toivonen e Forsberg (Svezia); Zuber, Xhaka, Shaqiri, Drmić e Džemaili (Svizzera); Sassi (1 rig), Bronn e Ben Youssef (Tunisia); Giménez (Uruguay).

AUTOGOL

Behich (Australia); Fernandinho (Brasile); Mandžukić (Croazia); Fathy (Egitto); Bouhaddouz (Marocco); Álvarez (Messico); Etebo (Nigeria); Cionek (Polonia); Cheryshev e Ignashevich (Russia); Sommer (Svizzera); Meriah (Tunisia).

(aggiornata al 15 luglio 2018, alle ore 18:55)

 

Condividi
Telecronista e opinionista radio/TV, già a SportItalia e addetto stampa di diverse società. Non si vive di solo calcio: ciò che fa cultura è la fame di sapere, a saziarla il dinamismo del corpo e del verbo.