ShowRoom – DB11 AMR, l’Aston Martin più veloce di sempre

22

Se siete ricchi collezionisti amanti delle prestazioni, allora ecco la macchina perfetta per voi: si chiama Aston Martin DB11 AMR, è l’ammiraglia del marchio inglese in versione ancor più sportiva. Già il nome è tutto un programma, AMR è un acronimo che sta per Aston Martin Racing, la divisione che si occupa di far scendere le vetture di casa in pista per competere con Ferrari e Porsche. Le premesse portano alla creazione di una speciale versione della supersportiva che con il suo V12 5.2 litri porta in dote 30 CV in più rispetto al top di gamma della DB11 standard, e addirittura 130 in confronto a quella equipaggiata con il V8. Il totale fa 639 cavalli con 700 Nm di coppia motrice, così la Aston Martin DB11 AMR scatta da 0 a 100 km/h in 3,7 secondi, abbassando la prestazione di 0,2s, ed arriva ad una velocità massima di 334 km/h diventando la Aston Martin più veloce in produzione.

La AMR si distingue inoltre per una maggiore presenza di elementi in fibra di carbonio, come lo spoiler anteriore, le calotte degli specchietti e il diffusore inferiore, e per la presenza del logo AMR su poggiatesta e battitacco. Gli interni richiamano i colori scuri degli esterni e propongono eleganti materiali di alta qualità come pelle Alcantara alternati a finiture sportive in fibra carbonio; sul piano tecnologico due display, uno da 12’’ per la strumentazione e uno da 8’’ per l’infotainment. È disponibile anche una speciale versione a tiratura limitata di soli 100 esemplari, la Signature Edition, caratterizzata da una livrea esterna in Striking Green attraversata per lungo da una striscia Lime Green.

Questo però fa alzare il prezzo di listino, se per la Aston Martin DB11 AMR servono già 174.995 sterline (201.000 euro) per la Signature Edition bisogna aggiungere 30.000 sterline (34.000 euro); ma attenzione, perché il listino in Germania parte da 218.000 euro e qui in Italia la versione standard va già oltre i 220.000 euro.

Condividi
Nato a Roma nel 1988, laureato in scienze della comunicazione nel 2014 e giornalista pubblicista dal 2016. Amante dello sport e dei motori, ha trasformato le sue passioni in professione.