Basket, LeBron James show contro Toronto. Tatum trascina Boston contro Philadelphia

Boston Celtics e Cleveland Cavaliers sono state le ultime a unirsi al tavolo delle semifinaliste di Conference, eppure dopo le prime due sfide non sembrano pagare la fatica di una serie arrivata fino a gara 7.

In tanti si aspettavano i Toronto Raptors tenere alto il loro soprannome e divorare una sventurata Cleveland verso la via del declino. Al momento invece è accaduto tutto il contrario. I Cavaliers sono avanti 2-0 nella serie dopo due trasferte in terra canadese e ciò lo hanno fatto grazie alla loro stella principale. La peggiore (Gara 1) e la migliore prestazione (Gara 2) della stagione di Lebron James sono le due chiavi per sintetizzare al meglio i successi di Cleveland.

Come anticipato, un LBJ strepitoso questa notte nella seconda sfida; una prova da 43 punti, 14 assist e 8 rimbalzi, a due soli rimbalzi da un’altra tripla doppia, ma poco importa perché il talento di Akron è nella storia come il primo giocatore a realizzare più di 40 punti e 14 assist in una gara valida per i playoff. Detronizzati record su record, il tutto pennellando canestri di difficoltà elevata e con un fade away capace di mandare fuori di giri la difesa canadese. James ha finito per oscurare i 31 punti del suo compagno di squadra Love a cui va riconosciuto un supporto importante nella seconda vittoria contro Toronto.

Sempre più giù Philadelphia. In gara 1 i Sixers avevano completamente deluso lasciando campo aperto al trittico delle meraviglie di Boston. In gara 2 c’è stata solo una timida reazione, ma a spegnerla ha provveduto il rookie Tatum, trascinatore nella rimonta dal -22. I Celtics mettono a segno il secondo punto e ora sono lanciati. Il ritorno in campo di Jaylen Brown, assente nella prima sfida, diventa un’arma aggiuntiva verso una serie che ora pende dalle parti del Massachusetts.

LA SITUAZIONE PLAYOFF IN NBA

Condividi
Nasce a Roma il 30 maggio 1979 mentre il Nottingham Forest di Brian Clough vinceva la sua prima Coppa Campioni. Radiocronista sui campi dell’Eccellenza laziale, adora il calcio minore ed il futsal.