RSL svizzera anticipi 28/a: Il Thun ferma il Lucerna, pareggio nel derby della Limmat

Copyright MondoSportivo.it/Silvano Pulga

Tradizionali anticipi per la Raiffeisen Super League svizzera, giunta alla 28/a giornata. In programma, due partite dove si sono incrociate la lotta per la salvezza e quella per l’Europa, vale a dire la sfida tra Thun e Lucerna e, soprattutto, il derby della Limmat tra Zurigo e Grasshopper.

Al Letzigrund, in una serata di bel tempo, davanti a poco più di 14.000 spettatori, lo Zurigo, in casa da calendario, ha aperto le danze al 27′ con una rete del talentino Dwamena, lancato in contropiede da un passaggio rasoterra telecomandato di Marchesano, che ha tagliato in due la retroguardia delle Cavallette. 

Nella ripresa, l’undici di Yakin va a caccia del pareggio, e lo trova al 59′: Doumbia, sulla sinistra, smista a Jeffrén. Lo spagnolo difende bene la sfera, e vede, a centro area, Kodro: palla al bosniaco (figlio di “Meho”, ex di Real Sociedad e Barcellona, oggi tecnico del Servette di Ginevra, in Challenge League) il quale, lasciato solo al vertice dell’area piccola, insacca senza problemi.

La partita è tutto sommato divertente: al 63′ Dwanema, questa volta imbeccato da Rohner, s’invola verso la porta, ma Lindner chiude il suo palo. Al 75′, il bomber tigurino si traveste da uomo assist, e prova a dare la palla buona a Marchesano: ma il tiro del ticinese, troppo debole, non spaventa Lindner. Finisce così 1-1 l’ultimo derby della stagione al Letzigrund.

Alla Stockhorn Arena, invece, si è fermata la corsa del Lucerna, dopo 8 risultati utili consecutivi, e mai sconfitto dopo la sosta invernale, cioè da quando Gerardo Seoane ha preso in mano le redini della squadra della Svizzera centrale.

A decidere l’incontro, la rete di Dejan Sorgić, al 78′, lanciato in porta da Karlen, autore di una stupenda cavalcata, partita dalla propria metà campo. Un minuto prima, era stato Matteo Tosetti, da fuori area, a scaldare le mani di Omlin. Per i biancorossi, tre punti importantissimi, in attesa di sapere, domani, come finirà il derby romando tra Losanna e Sion.

Condividi
Da bambino si innamorò del calcio vedendo giocare a San Siro Rivera e Prati. Milanese per nascita e necessità, sogna di vivere in Svezia, e nel frattempo sopporta una figlia tifosa del Bayern Monaco.