Fantacalcio Serie A 2017/18: i Top 4 della 24/a giornata

Foto: Twitter @AsRoma

Appuntamento settimanale con l’analisi dei Top di ruolo dopo la ventiquattresima giornata di Serie A: chi sono stati i migliori giocatori al Fantacalcio?

Porta – Gianluigi Buffon (Juventus): SuperGigi è tornato. Seconda presenza consecutiva dopo l’infortunio e porta ancora blindata. Questa volta su un campo, quello di Firenze, che storicamente è sempre stato ostico per i bianconeri. Chi l’ha preso al Fantacalcio, dopo mesi di buio, può ritornare a sorridere: un 6.5 pulito pulito gli è stato assegnato dalle principali redazioni sportive.

Difesa – Mário Rui (Napoli): Ghoulam si è infortunato nuovamente? Nessun problema, c’è Marione! Sarri lo conosce e il portoghese sta attraversando un grande momento a livello personale. Sabato, addirittura, la gioia del gol, il primo con la maglia azzurra e il primo nella nostra Serie A. Una gioia gustata a freddo, perché sul momento della marcatura i compagni hanno festeggiato soprattutto Zieliński, autore della deviazione decisiva. Ma poco importa, perché sono fioccati i 7 come voto puro (più o meno tutti concordi, a parte la nostra redazione che gli ha assegnato un 6.5), per la gioia di chi forse aveva puntato sul portoghese solo come rimpiazzo in attesa di Ghoulam. Chissà, forse non tutti i mali vengono per nuocere.

Centrocampo – Cengiz Ünder (Roma): tre gol nelle ultime due partite, prima doppietta italiana, corsa, qualità e concretezza a non finire. Niente male questo ragazzino turco. Contro il Benevento ha dato idea di cosa è capace di fare: ha un sinistro raffinato, si è visto quando l’ha usato di prima intenzione nel primo dei due centri personali e ancora di più nel secondo, quando ha mirato l’angolino basso alla destra di Puggioni e ha disegnato una deliziosa traiettoria a giro. Come se non bastasse, anche l’assist per il gol di Džeko per 7 punti complessivi di bonus e voti da primo della classe: 8.5 per il CorSport, 8 per GazzettaFantagazzetta, 7.5 per il nostro Elia Modugno su MondoSportivo.

Attacco – Patrick Cutrone (Milan): il primo gol è da vero e proprio rapace d’aria di rigore, alla Pippo Inzaghi per intenderci, nel secondo è baciato dalla fortuna, ma lui è là, al posto giusto, nel momento giusto. Quinto gol in Serie A e prima doppietta per lui. Patrick Cutrone è il futuro del calcio italiano, ma anche il presente. E per Gattuso è tutto oro che cola, soprattutto ora che c’è Kalinić a mezzo servizio. I voti, manco a dirlo, sono altissimi per il numero 63 rossonero: 7.5 per Fantagazzetta, Gazzetta e Corriere dello Sport, 7 per noi di MondoSportivo.

 

Condividi
Sardo di origini sicule, ama il calcio dalle “notti magiche” di Italia ’90. È laureato in Lingue con una tesi sulla lingua del calcio. Pubblicista, ha collaborato col periodico Vulcano e la tv sarda Videolina.