UFFICIALE – Lugano, è arrivato Janko per l’attacco

59

Con un Tweet dal proprio profilo ufficiale, il Lugano ha ufficializzato l’arrivo del centravanti austriaco Marc Janko in maglia bianconera. L’attaccante ex Basilea, 34 anni, alto 1.96, indosserà la maglia numero 21. In Svizzera, Janko ha disputato due stagioni (2015-16 e 2016-17) con la maglia del Basilea, vincendo il titolo nazionale in entrambe e la Coppa Svizzera lo scorso anno, andando a segno complessivamente 34 volte in 66 incontri ufficiali. Cona la nazionale d’oltralpe, è al 4° posto nella classifica dei migliori marcatori, con 28 centri in 66 presenze.

Prevista una conferenza stampa alle 17.45 di oggi allo stadio di Cornaredo, della quale vi daremo conto più tardi.

AGGIORNAMENTO CONFERENZA STAMPA

Il presidente Renzetti è stato preceduto dal direttore generale Campana: “Soddisfatti per come sono andate le cose, è un grande giorno per la nostra società. La trattativa, dove Giovanni Manna ha fatto moltissimo, ha coinvolto, per la sua complessità, circa 15 persone.” Il presidente“Avere qua un giocatore di questa caratura, per noi, è un’enorme soddisfazione. Abbiamo colto quest’opportunità, che ha delle condizioni a noi favorevoli. È per noi il primo trasferimento di questo tipo, un’esperienza nuova. Lo spogliatoio è sempre stato informato di tutto, dovremo inserire Marc in squadra, ci vorrà pazienza. Le aspettative sono alte: i tifosi pensano che arriva una persona e il giorno dopo mette il pallone in porta. In realtà, ci vorrà tempo. Quando sono andato a Praga, mi ha fatto piacere vedere la volontà del giocatore di venire da noi. Lo scorso anno, ora ve lo posso dire, a Basilea uscì prima del 90′, mi passò davanti e io, scherzando, gli chiesi se voleva venire a Lugano. Ora è qua, e mi fa piacere.”

Marc Janko“Molto felice di essere qua, l’ambiente è ottimo, i tifosi appassionati. Sono stato accolto bene, l’ambiente è una grande famiglia. Ho visto la partita di domenica in streaming, penso che questa squadra abbia grandi possibilità. La gente si aspetta molti gol da me, sono un attacante che fa bene in area di rigore. Negli ultimi mesi ho giocato poco, dovrò integrarmi nel gruppo e lavorare per arrivare al massimo. Conosco bene la Svizzera e il suo campionato; ho sempre visto nel Lugano una club piccolo, ma ben organizzato. Ovviamente è una realtà diversa da quella di Basilea, ma si potrà fare bene. L’italiano? lo capisco un po’, ma per ora non sono in grado di fare dei lunghi discorsi in questa lingua: chiedo ai giornalisti di parlarmi, nei primi tempi, in tedesco o in inglese.” 

Condividi
Da bambino si innamorò del calcio vedendo giocare a San Siro Rivera e Prati. Milanese per nascita e necessità, sogna di vivere in Svezia, e nel frattempo sopporta una figlia tifosa del Bayern Monaco.