Eredivisie, 12/a giornata: il PSV ride ancora allo scadere, Ajax esagerato a Breda

Immagine tratta dal sito ufficiale dell'Ajax - www.ajax.nl

Va in archivio anche la giornata di Campionato numero 12 in Olanda, con il PSV Eindhoven che continua la propria perentoria marcia in testa alla classifica, anche se centrando i tre punti al fotofinish per la seconda domenica di fila. L’Ajax tiene botta, accompagnato dall’AZ, mentre si prolunga la striscia nerissima del Feyenoord; in zona Europa lo Zwolle vede avvicinarsi la concorrenza, mentre nei bassifondi della graduatoria vince solamente il Groningen.

Sul campo probabilmente più ostico del momento, quello dello Zwolle, il PSV Eindhoven pesca nel finale un jolly preziosissimo, imponendosi con una rete di Isimat-Mirin giunta a tempo praticamente scaduto. Le prime fasi di gioco vedono le due squadre protagoniste di una partita piacevole ed equilibrata; Luckassen e Lozano sfiorano il vantaggio ospite, mentre sul versante opposto sono Mokthar e Israelsson a mettere paura a Zoet. Nel secondo tempo i ragazzi di Cocu faticano a rendersi pericolosi, ma dopo aver superato indenni un paio di folate offensive dello Zwolle, mettono a segno il blitz al minuto 93: Locadia crossa un pallone che de Jong gira verso la porta di Boer che smanaccia sistemando però la sfera sui piedi di Isimat Mirin, che non può esimersi dal siglare il pesantissimo e ormai insperato successo del PSV Eindhoven, che tiene intatti i propri otto punti di vantaggio sulla seconda piazza.

A 33 punti, otto sono i punti di vantaggio del PSV Eindhoven sull’Ajax; otto, come le reti che i ragazzi di Marcel Keizer rifilano a un malcapitato NAC Breda, demolito tra le mura amiche già dopo mezz’ora scarsa di gioco. Al Verlegh Stadion il pubblico di casa è ammutolito in quindici minuti: vanno in gol per i Lancieri due volte a testa de Ligt e van de Beek, e una David Neres, con il tabellone che al 33′ recita 0-5. Poco da aggiungere a una gara del genere, se non che nel secondo tempo i neopromossi gialloneri riescono ad incassare altre tre reti, di Schøne (su rigore), Huntelaar e van de Beek che si regala il pallone autografato della gara refertando la propria personale tripletta e fissando il roboante 0-8 finale.

Continua l’incredibile e disgraziata striscia nera di risultati del Feyenoord, che contro il Venlo al De Kuip si fa riprendere sull’1-1 al termine di una gara “maledetta” per i Rotterdammers. I padroni di casa mancano a più riprese il vantaggio sbattendo sul tedesco Unnerstal, estremo difensore del Venlo; il lungo (ma infruttuoso in termini di reti) dominio dei padroni di casa sembra trovare l’epilogo sperato dai locali in apertura di ripresa, quando Jørgensen approfitta di una geniale invenzione di Berghuis per incenerire Unnerstal dall’interno dell’area di rigore. I biancorossi spingono alla ricerca del 2-0 sciupando l’inverosimile e colpendo anche un legno, e come da “legge non scritta” vengono beffardamente puniti dagli ospiti nel finale: corre infatti il minuto 86 quando sugli sviluppi di corner Leemans dalla bandierina arma il destro di van Bruggen, che si coordina alla perfezione e insacca all’angolino sinistro di Jones il pallone che scrive l’1-1 finale. 14 i punti di distacco dal PSV, 6 quelli di ritardo sull’Ajax; ormai costretto a poter guardare solo la targa delle rivali storiche, il Feyenoord manca il successo per la quinta gara consecutiva.

Tiene il passo dell’Ajax l’AZ Alkmaar, che con un gol di Seuntjens nel finale espugna il campo del Roda fanalino di cosa e rimane appaiato ai Lancieri con 25 punti in classifica. Con riferimento al ceto medio del Campionato olandese, in lotta per la zona playoff, il turno appena chiusosi sorride solamente a Utrecht e Heerenveen: l’Utreg non ha vita facile contro l’Excelsior (con le due squadre, infatti, appaiate a 17 punti in classifica prima della gara di domenica) ma dopo aver trovato il vantaggio con Dessers ipoteca i tre punti nel secondo tempo con le reti di Ayoub e Janssen, prima del gol che salva l’onore dei rossoneri di Rotterdam messo a referto da El Azzouzi. Ben più agevole il compito dell’Heerenveen, che espugna Enschede con un 4-0 auto-esplicativo: Høegh colpisce di testa al 24′, mentre Vlap colpisce sul finire di tempo dopo un bello spunto di Dumfries, prima che nell’ultimo quarto di gara i Frisoni mettano il punto esclamativo sul proprio successo colpendo anche con Ødegaard (primo gol in Eredivisie) e Veerman.

Nella ressa che agita le posizioni dal quarto al nono posto, inciampa il Vitesse di Fraser, rimontato e messo al tappeto dal Groningen: dopo un autogol per parte, di Larsen e Dabo, Matavž al 62′ sembra spingere dal dischetto i tre punti verso Arnhem, ma i gialloneri non fanno i conti con la voglia di rivalsa del Groningen. Idrissi fa 2-2 al 65′, e nel finale di gara Mahi si inventa la traiettoria che rovescia l’inerzia della gara, prima del definitivo 4-2 di van Weert che regala ai biancoverdi un successo atteso dal 24 settembre. Alla zona Europa si avvicina a grandi passi anche l’ADO Den Haag, che nel lunch-match domenicale travolge 4-1 in rimonta l’Heracles superandolo in graduatoria: Lorenzen risponde al vantaggio bianconero di Niemeijer, e nel finale El Khayati scrive il 2-1 che indirizza l’ADO verso un successo reso ancora più roboante dalle firme nel finale di Jonhsen e Hooi. Chiude il programma di giornata il pirotecnico 2-2 tra Willem II e Sparta Rotterdam, entrambe in zone pericolanti di classifica: la doppietta di Duarte illude lo Sparta di poter festeggiare un blitz inaspettato, ma Haye in apertura di ripresa riporta in carreggiata i Tricolores, che all’altezza dell’ora di gioco trovano il definitivo pari con Ogbeche che permette ai locali di staccare di un punto Twente e NAC Breda in zona playout.

EREDIVISIE – 12/a giornata

sabato 18/11

Twente-Heerenveen  0-4  24’Høegh, 43′ Vlap, 61′ Ødegaard, 87′ Veerman
Feyenoord-VVV Venlo  1-1  54′ Jørgensen (F), 86′ van Bruggen (V)
NAC Breda-Ajax  0-8  13′ de Ligt, 18′ e 26′ van de Beek, 29′ David Neres, 33′ de Ligt, 66′ rig. Schøne, 73′ Huntelaar, 75′ van de Beek
Willem II-Sparta Rotterdam  2-2  23′ e 27′ Duarte (S), 46′ Haye (W), 57′ Ogbeche (W)

domenica 19/11

ADO Den Haag-Heracles  4-1  10′ Niemeijer (H), 28′ Lorenzen (A), 75′ El Khayati (A), 83′ Johnsen (A), 88′ Hooi (A)
Zwolle-PSV Eindhoven  0-1  90’+3 Isimat-Mirin
Utrecht-Excelsior  3-1  8′ Dessers (U), 56′ Ayoub (U), 64′ Janssen (U), 88′ El Azzouzi (E)
Groningen-Vitesse  4-2  32′ aut. Larsen (G), 59′ aut. Dabo (V), 62′ Matavž (V), 65′ Idrissi (G), 78′ Mahi (G), 82′ van Weert (G)
Roda-AZ Alkmaar 0-1  84′ Seuntjens

CLASSIFICA EREDIVISIE

Condividi
Nato a Roma nel 1989, si avvicina al calcio grazie all’arte sciorinata sui campi da Zidane. Nostalgico del “calcio di una volta”, non ama il tiki-taka, i corner corti e il portiere-libero.