Milan-Betis Siviglia: gli spagnoli si impongono 2-1, decisivo il rigore trasformato da Sanabria al 90′

Copyright MondoSportivo.it / Antonio Ioppolo

dal nostro inviato allo stadio “Angelo Massimino” di Catania.

Buona prova, ma risultato deludente per il Milan di Montella nell’amichevole contro il Betis. Gli spagnoli si impongono per 2-1 grazie ai gol di Fabián e Sanabria; nel mezzo il pari su rigore di André Silva.

Nonostante la stagione sia già iniziata ufficialmente con i due impegni contro l’Universitatea Craiova, il Milan continua con la preparazione estiva. I rossoneri stanno lavorando per arrivare nelle migliori condizioni al doppio confronto dell’ultimo turno preliminare di Europa League da disputare contro lo Shkëndija e i rivali del Betis Siviglia rappresentano un banco di prova importante. Il caso ha voluto che la sfida odierna venga giocata giusto 10 anni dopo l’amichevole disputata al “Benito Villamarín” per celebrare il centenario della fondazione de Los Béticos. In quell’occasione, gli andalusi, guidati da Héctor Cúper, vinsero di misura sul Milan di Carlo Ancelotti, allora campione d’Europa, grazie al rigore trasformato dal cileno Mark González.

Tante le assenze tra le fila del Diavolo, in particolare quella di Lucas Biglia, per cui Montella si affida ad alcune seconde linee. Tra i pali, dunque, c’è Storari e davanti a lui il quartetto formato da Calabria, Bonucci, Zapata e Antonelli. In cabina di regia c’è Locatelli con Montolivo e Çalhanoğlu, mentre in attacco il tridente formato da Borini, André Silva e Suso. Il tecnico cantabro del Real Betis Quique Setién fa a meno di Cristian Tello, rimasto in Spagna per proseguire un lavoro differenziato, e si affida al 4-3-3 con Camarasa, de la Hoz e Guardado a formare la diga di centrocampo e Loren, Sergio León e Nahuel in avanti.

Inizio gradevole dell’incontro: il Milan controlla il pallino del gioco e si stabilisce nella metà campo avversaria, dopo un primo possesso palla spagnolo. Si registrano sùbito due buone occasioni da rete: sulla prima André Silva non è sufficientemente lucido per superare l’estremo difensore avversario, sulla seconda, Borini colpisce di testa con poca forza. Il Betis risponde in contropiede e porta alla conclusione Guardado, ma il suo tiro non è dei migliori. Al 12′, dagli sviluppi di un calcio di punizione battuto da Çalhanoğlu, André Silva riesce a centrare la porta, ma il gol viene annullato, complice un tocco di Antonelli, per fuorigioco. Con il passare dei minuti, i ritmi rallentano e il gioco viene spesso spezzettato da continui falli: gli spagnoli riescono a chiudere bene gli spazi con il loro 4-3-3, che spesso e volentieri diventa un 4-1-4-1, e si rendono pericolosi con un cross di Guardado spizzicato a lato da de la Hoz. Succede poco o nulla che valga la pena di raccontare fino al 38′ allorquando Calabria, da posizione defilata, impegna in una respinta provvidenziale Giménez. Dopo cinque minuti di recupero, il direttore di gara manda tutti negli spogliatoi sul punteggio di 0-0.

Inizio di ripresa spumeggiante dei rossoneri con André Silva che costringe Giménez all’intervento per spingere la sfera oltre la traversa; passano solo pochi minuti e Suso e Bonucci mettono ancora in apprensione la retroguardia andalusa: bravo ancora Giménez a non farsi sorprendere. In generale, in questa fase il Milan accelera e mette in difficoltà la difesa iberica con una serie di cross e sospinta dal caloroso pubblico di Catania, ma la squadra di Setién riesce in qualche modo a liberarsi dalla pressione. Nonostante il dominio rossonero, il Betis, un po’ a sorpresa, passa in vantaggio con una bellissima rete di Fabián Ruiz, che da fuori area beffa Antonio Donnarumma: Milan-Betis Siviglia 0-1. I rossoneri non ci stanno e trovano il pari su rigore, assegnato per un fallo su Gómez, con André Silva che spiazza il portiere avversario: Milan-Betis Siviglia 1-1. A questo punto, la gara si infiamma: il ritmo è più alto e Joaquín per poco non fulmina Donnarumma con una violenta conclusione. Il Betis attacca e il direttore di gara chiede ancora l’ausilio della VAR per un fallo di mano in area rossonera: calcio di rigore! Dal dischetto Sanabria non sbaglia e sigla la rete del 2-1. Non resta tempo al Milan per cercare di nuovo il pareggio e l’arbitro Doveri sancisce la fine e la vittoria del Betis per 2-1.

MILAN-BETIS SIVIGLIA 1-2 (0-0)

Milan (4-3-3): Storari 6 (46′ A. Donnarumma 5); Calabria 6, Bonucci 6, Zapata 6 (63′ Gómez), Antonelli 6 (46′ Abate 5.5); Montolivo 5, Locatelli 5.5 (63′ Kessié 5.5), Çalhanoğlu 6; Suso 5.5 (63′ J. Mauri 5.5), André Silva 6, Borini 5. A disp.: Soncin, Simič, Sosa, Cutrone. All.: Montella 6.
Betis Siviglia (4-3-3): Giménez 6.5; Barragán 6 (63′ Pezzella 6), Mandi 6 (63′ Sanabria 6.5), Feddal 6, Tosca 6 (71′ Redru 6); Camarasa 5.5 (47′ Narváez 6), de la Hoz 6 (57′ Fabián 7), Guardado 6.5 (57′ Joaquín 6.5); Loren 5.5 (57’Brašanac 6), Sergio León 5.5 (63′ Navarro 6), Nahuel 6 (71′ Francis 6). A disp.: Adán, Amat, Julio. All.: Setién 6.5.
Arbitro: Doveri di Roma.
Marcatori: 67′ Fabián (B), 75′ rig. André Silva (M), 90′ rig. Sanabria (B).
Note – Ammoniti: Bonucci, Antonelli, Abate, Çalhanoğlu (M); Guardado, Mandi, de la Hoz, Brašanac (B).

Condividi
Appassionato di storia, letteratura, calcio e mediani: quegli “omini invisibili” che rendono imbattibile una squadra. Il numero 8 come fisolofia di vita: grinta, equilibrio, altruismo e licenza del gol.