Tour de France 2017, 14/a tappa – nel giorno di Matthews, Aru incappa nel “buco”. Froome torna in Giallo

Immagine tratta dalla Pagina Ufficiale Facebook di Tom Dumoulin

L’australiano Micheal Matthews (Sunweb) ha vinto la 14/a tappa del Tour de France 2017, la Blagnac-Rodez di 181,5 chilometri. L’inglese Chris Froome (Sky) è la nuova Maglia Gialla.

La frazione è stata caratterizzata dall’azione di cinque corridori: il belga Thomas De Gendt (Lotto-Soudal), l’olandese Timo Roosen (Lotto NL – Jumbo), lo svizzero Reto Hollenstein (Katusha-Alpecin) e i francesi Maxime Bouet (Fortuneo-Oscaro) e Thomas Voeckler (Direct Énergie). Il gruppo non lascia tanto spazio alla fuga, che raggiunge un massimo vantaggio di 2′. A 30 km dal traguardo, sulla Côte de Contrès, De Gendt lascia al proprio destino i compagni d’avventura e se ne va da solo. Ma l’azione del belga si spegne a poco meno di 13 km dall’arrivo. Ci provano in quattro, tra i quali il nostro Damiano Caruso (BMC), ma anche questa tentativo si spegne a 7 km dalla conclusione. Ci si avvia verso la volata. Ma a 2000 metri dalla conclusione, in discesa, il plotone si spacca e dietro rimane Fabio Aru. Lo sprint, che avviene sulla Côte de Sainte-Pierre (570 metri all’8% di pendenza) è vinto da Micheal Matthews davanti a Greg Van Avermaet (BMC) e a Edvald Boasson-Hagen (Dimension Data). I grandi della generale arrivano tutti assieme, tranne Fabio Aru che perde 26″. Il sardo dell’Astana cede così la Maglia Gialla a Chris Froome. L’inglese della Sky ora è in testa con 19″ su Aru, 23″ su Bardet e 29″ su Urán.

Domani è in programma la 15/a tappa del Tour de France 2017, la Laissac-Séverac L’Église – Le Puy-en-Velay di 189,5 chilometri.

Tour de France 2017, 14/a tappa – Ordine d’arrivo
1) Micheal Matthews (Sunweb)
2) Greg Van Avermaet (BMC) st
3) Edvald Boasson Hagen (Dimension Data) a 1″
4) Philippe Gilbert (Quick-Step Floors) a 1″
5) Jay McCarthy (Bora-Hansgrohe) a 1″

Classifica generale
1) Chris Froome (Sky)
2) Fabio Aru (Astana) a 19″
3) Romain Bardet (Ag2R – La Mondiale) a 23″
4) Rigoberto Urán (Cannondale-Drapac) a 29″
5) Mikel Landa (Sky) a 1’17”

Condividi
Nato a Salerno il 3 maggio 1986, laureato in Fisica, ex arbitro di calcio FIGC. “Sportofilo” a 360° con predilezione per calcio e ciclismo, è un acceso e convinto fantacalcista.