Calcio femminile, gli ultimi movimenti di calciomercato

Così come nel calcio maschile, comincia ad entrare nel vivo il calciomercato anche per quello femminile. E alcuni movimenti sono molti interessanti.

Partiamo dal Brescia che ufficializza l’arrivo dal Trento di Martina Tomaselli, centrocampista classe 2001 e promessa del calcio italiano che dal primo agosto sarà a disposizione di Mister Piovani. Ecco le sue prime dichiarazioni: “Per me è un grandissimo onore poter far parte di una società di vertice come il Brescia, è un enorme salto di qualità e una grande responsabilità, per questo dovrò mettercela tutta per ripagare la fiducia del presidente e del direttore sportivo che mi hanno dato questa magnifica opportunità“. Per una che viene, un’altra che va, e parliamo di un pezzo da novanta, ovvero il capitano Valentina Cernoia, bresciana doc, che dopo dieci anni di carriera ha deciso di lasciare la squadra biancoblu: “Ho avuto l’onore di vestire la maglia della Leonessa, di indossarne la fascia da capitano e di rappresentare la mia città in Italia ed in Europa senza mai risparmiarmi. Sono orgogliosa di essere stata parte di una grande squadra, di un grande gruppo, che ha fatto la storia di questa società e nel suo piccolo del calcio italiano. Ho avuto la fortuna di giocare con calciatrici e persone straordinarie. Da chi c’era, a chi c’è, a chi rimarrà: grazie di cuore!” Per lei si vocifera l’interessamento della Juventus Femminile.

Secondo acquisto per l’Agsm Verona: si tratta della talentuosa centrocampista diciassettenne Bianca Giulia Bardin, proveniente dal Vicenza, che vanta anche una buona esperienza internazionale con la Nazionale Under 17 e recentemente ha ricevuto la prima convocazione con la Nazionale Under 19. Queste le sue prime dichiarazioni: “L’approdo al Verona per me rappresenta un indubbio salto di qualità dal punto di vista calcistico. Avrò la possibilità di acquisire esperienza confrontandomi con realtà nuove e superiori giocando in una squadra competitiva ai massimi livelli. Mi impegnerò al massimo per dare il mio contributo trovando sempre più motivazioni e soddisfazioni. Conosco già alcune ragazze della squadra con le quali ho giocato in maglia Azzurra: Giubilato, Meneghini, Soffia, Nichele e Forcinella. I miei pregi sono la forza fisica, la corsa, recupero palloni, cerco sempre di essere presente nell’azione e, perché no, non disdegno qualche inserimento. Devo ampliare la mia esperienza soprattutto nella tattica di squadra ed affinare la tecnica.”

Dopo la promozione in Serie A della scorsa stagione è tempo di rinforzi per il Fimauto Valpolicella. Il primo tassello è l’inserimento nella rosa di Mister Diego Zuccher del difensore classe 1994 Marta Varriale che arriva a Verona dopo quattro stagioni giocate tra Castelfranco ed Empoli Ladies. Questo il suo primo commento: “Non è stata una scelta facile per me, lasciare Empoli dopo 4 anni straordinari. Sento però l’esigenza di confrontarmi in un ambiente nuovo che mi darà la possibilità di crescere sia dal punto di vista sportivo che umano. Ho scelto il Fimauto Valpolicella perché mi hanno colpito la professionalità e il progetto che mi è stato presentato.”

La Res Roma saluta l’esterno classe 1998 Raffaella Giuliano che ha deciso di andare oltreoceano: per i prossimi quattro anni vestirà infatti la maglia della East Tennessee State University.

Si rinforza il centrocampo del Tavagnacco: la società gialloblu si è assicurata le prestazioni della slovena Kaja Erzen, centrocampista classe 1994 che nel corso dell’ultima stagione ha militato nell’Olimpia Lubiana vincendo lo scudetto.

Finiamo con dei rumors che riguardano la Fiorentina: le viola potrebbero a breve concludere la trattatica con l’attaccante tedesca classe 1988 Nicole Banecki, attualmente in forza al Friburgo, che andrebbe a rinforzare ulteriormente l’attacco che però potrebbe perdere a breve Deborah Salvatori Rinaldi.

 

Condividi
Parte-nopeo e parte bolognese, ha collaborato a vari progetti editoriali e sul web (Elisir, Intellego, Melodicamente). Ha riscoperto il piacere del calcio guardando quello femminile.