NBA Finals: Warriors campioni. Cleveland battuta 129-120 in Gara-5, Kevin Durant MVP

Leonard Zhukovsky / Shutterstock.com

I Golden State Warriors sono i campioni NBA per la stagione 2016/2017. I Cleveland Cavaliers escono dalla Oracle Arena a testa altissima, sconfitti 4-1 con un LeBron James da 41 punti. Kevin Durant ritira il premio di MVP delle Finals per la prima volta in carriera. 

Avvio di gara che sembra buono per i Warriors ma sono proprio i padroni di casa a fermare per primi la partita. Timeout Kerr a 8’44” dopo una doppia palla persa sanguinosa che significa 8-0 di parziale per i Cavs (13-9) con LeBron che sul referto ha già 7 punti all’attivo. Il minuto di pausa fa bene a Golden State che ricuce il mini strappo costringendo a sua volta Tyronne Lue a fermare il match sul 22-20 Cavs con 12 punti di uno scatenato James. Gara-5 procede punto a punto, a 1′ dalla fine i Warriors rimettono la testa avanti ma negli ultimi secondi si spegne nuovamente la luce ne approfittano Irving (12pt) e Jr Smith per fissare il 37-34 con il quale si chiude il primo quarto. Le rotazioni, in apertura di seconda frazione di gioco, non fanno bene ai Warriors che non riescono minimamente a sciogliersi, ad avere flusso, regalando così un mini vantaggio di +8 (41-33) a Cleveland con Steve Kerr che si rifugia immediatamente nel timeout. Coach Kerr pesca dalla panchina David West, quattro punti in fila, che con l’aiuto di Iguodala riporta i suoi sul -2. La presenza a rimbalzo proprio di West consente ai suoi di correre di più in transizione con i canestri di Durant e Curry che in un amen, a 4’26” dalla sirena, fa scappare il team della Baia a +15. Gli animi si scaldano e ne fanno le spese West e Thompson, puniti entrambi con un tecnico, prima del rush finale che manda le squadre al riposo sul 71-60 Warriors con due triple fondamentali per Irving e Jr Smith che mantengono ancora vive le speranze Cavs.

Partenza lanciata di terzo quarto per Klay Thompson, due triple in fila, e di Jr Smith che riporta i Cavaliers sul -8 con il suo 16/o punto personale (4/4 dall’arco). Botta e risposta da entrambe le parti con Curry, Irving, Durant, LeBron James (27pt e 9 rimbalzi), grandissime giocate che regalano un terzo quarto sensazionale che si chiude sul 98-93 per Golden State con un Jr Smith sugli scudi da 5/5 dall’arco e un McCaw da 6 punti in uscita dalla panchina. Cleveland non molla un centimetro con ben 33 punti nella terza frazione di gioco. I principali protagonisti dell’ultimo quarto sono LeBron e Kevin Durant, colpo da campione da una parte, colpo da campione dall’altra, con Andre Iguodala sempre più dentro questa gara-5 e autore di 18 punti e del 112-102 che costringe coach Lue a fermare la gara. LeBron prova a tenere a galla i suoi 37 punti viste le non perfette condizioni fisiche di Irving ma Curry e Durant spediscono i Warriors sul +12 (122-110) a 3’29” dalla fine. Jr Smith è forse l’ultimo ad arrendersi con una stratosferica giocata da 4 punti non concretizzata ma gli ultimi assalti di Cleveland si infrangono sul ferro e sulla difesa dei Warriors che dunque si aggiudicano gioco partita incontro 129-120 e 4-1 finale sui campioni in carica uscenti dei Cleveland Cavaliers. LeBron chiude con 41 punti in trasferta, Durant ne mette a segno 39 mentre Steph Curry chiude gara-5 con 34 punti, 10 assist e 6 rimbalzi.

Condividi
Giornalista pubblicista nato a Moncalieri il 9/7/86, vive a Formia (LT). Vicedirettore di MondoPallone, telecronista, opinionista e co-conduttore del programma #FuoriGGioco. Adora il calcio estero e la NBA.