Playoff Serie A: Gara-3 – Milano batte Capo d’Orlando 80-94 e va avanti nella serie; Trento in semifinale

Copyright MondoSportivo.it / Rosella Maiorana

Il PalaFantozzi di Capo d’Orlando fa da sfondo alla Gara-3 dei playoff di Serie A di basket, tra l’Orlandina di coach Gennaro Di Carlo e Milano, guidata da Jasmin Repeša. Per i padroni di casa, ottime prestazioni soprattutto per Ivanović (16 punti e 5 assist) e Berzins, con 11 punti e 7 rimbalzi; per gli ospiti, buona gara principalmente per Simon (18 punti e 4 rimbalzi) e per Raduljica, con i suoi 14 punti e 4 assist. La partita termina 80-94 per la squadra di Repeša, che va avanti nella serie 2-1 ; giovedì 18 si giocherà Gara-4.

La Gara-3 tra Capo d’Orlando e l’Olimpia ha inizio con ritmi abbastanza veloci e con una Milano molto più concreta degli avversari sin dai primi minuti di gioco. I ragazzi di coach Di Carlo però, forti del sostegno della tifoseria orlandina, cercano di concedere poco agli ospiti e riescono a raggiungere il pareggio a tre minuti dalla fine del periodo (15-15); ottimo Ivanović in questa prima parte della gara, che alla fine termina 19-20.

Nel secondo periodo di gioco i ritmi si fanno un po’ più lenti e Milano cerca di distanziarsi dai padroni di casa, che sembrano avanzare con fatica per il momento. A metà quarto, però, Capo d’Orlando riprende vigore e riesce a tenere testa alla squadra di coach Repeša con determinazione fino all’intervallo. Il periodo si chiude infine 45-40; 11 punti e 2 assist realizzati fino a ora da Ivanović.

Al rientro dall’intervallo, Capo d’Orlando continua a condurre il gioco, ma Milano non demorde e tenta ripetutamente di diminuire la distanza che la separa dagli avversari, toccando il pareggio quasi a metà quarto (47-47). Per i padroni di casa, bene soprattutto Berzins e il solito Diener; per gli ospiti, invece, da menzionare fino a ora principalmente Simon e Pascolo. Il periodo finisce 64-69.

L’ultimo periodo di gioco si apre con un continuo testa a testa tra le due squadre; i ritmi diventano velocissimi. L’Orlandina, spronata dalla sua tifoseria, cerca di distanziarsi da Milano che, però, non molla la presa e continua a condurre (anche se con difficoltà) il gioco. Alla fine, dopo una gara ricca di emozioni, la partita si chiude con una vittoria per l’Olimpia (80-94).

BETALAND CAPO D’ORLANDO-EA7 OLIMPIA MILANO 80-94 (19-20; 45-40; 64-69)
Capo d’Orlando: Galipò ne, Ihring ne, Tepić 11, Iannuzzi 10, Laquintana 3, Nicević 2, Kikowski 7, Delas 11, Diener 9, Donda ne, Ivanović 16, Archie ne, Berzins 11. All.: Gennaro Di Carlo.
Milano: McLean 0, Fontecchio ne, Hickman 11, Kalnietis 13, Raduljica 14, Mačvan 12, Pascolo 13, Tarczewski 2, Cinciarini 9, Abass 2, Cerella ne, Simon 18. All.: Jasmin Repeša.
Arbitri: Filippini Massimiliano (San Lazzaro di Savena), Rossi Michele (Anghiari), Paglialunga Fabrizio (Massafra).

Le gare della serata:

BETALAND CAPO D’ORLANDO-EA7 OLIMPIA MILANO GARA-3: 80-94 (1-2)

BANCO DI SARDEGNA SASSARI-DOLOMITI ENERGIA TRENTINO GARA-3: 69-75 (0-3)

Dopo una gara abbastanza equilibrata, vince Trento su Sassari 69-75; la squadra di coach Buscaglia si aggiudica così un posto nelle semifinali, vincendo la serie 3-0. Per Trento, ottime prestazioni principalmente per Craft (12 punti, 4 rimbalzi e 6 assist) e per Gomes (16 punti e 10 rimbalzi); per Sassari, bella gara per Lacey (15 punti, 3 rimbalzi e 2 assist) e per Lawal (11 punti e 7 rimbalzi).

Condividi
Siciliana amante della sua terra, aspirante filologa e giornalista, innamorata della letteratura e appassionata di sport, anche se troppo pigra per praticarne uno.