Pescara-Genoa: precedenti, statistiche e curiosità

Marco Iacobucci EPP / Shutterstock.com

Zemanlandia is back! Il Pescara è pronto a scendere nuovamente in campo dopo la tumultuosa settimana che ha portato all’esonero di Massimo Oddo e il ritorno di Zdeněk Zeman sulla panchina degli abruzzesi, costretti a lanciare un segnale in un campionato che vede li abruzzesi ancora a secco di vittorie. All’Adriatico sbarca il Genoa di Ivan Jurić alle prese con una situazione deficitaria di classifica. I rossoblù sono decisamente in declino con la vittoria che manca dalla metà di dicembre.

I PRECEDENTI – Sarà la sfida numero 40 tra Pescara e Genoa, l’ottava nel massimo livello. In Serie A sono tre gli incontri disputati in Abruzzo. Il conteggio dei tre incontri parla di una parità assoluta con una vittoria per parte e un pareggio. Tenendo in considerazione ancora le tre partite in Serie A, l’ultimo confronto risale al 9 dicembre 2012. I bianco-azzurri, all’epoca guidati da Bergodi, sconfissero per 2-0 il Genoa di Luigi Del Neri grazie alle reti di Abbruscato e Ante Vukušić.
Decisamente più datata l’ultima affermazione in A del Genoa a Pescara. Correva la stagione 92-93 quando la rete di Ottavio Palladini venne vanificata dalle reti genoane di Maurizio Iorio e John van’t Schip.

LE STATISTICHE – Allargando il conteggio alle 39 dispute complessive è il Genoa a essere leggermente in vantaggio nei confronti diretti con 16 vittorie, 12 sconfitte e 11 pareggi. La sfida d’andata, disputatosi ovviamente a Genova, è terminata 1-1 con le firme di Simeone e Manaj. L’ultima affermazione del ‘grifo’ a Pescara risale al 18 marzo 2004 nella 33a giornata del campionato di Serie B. I rossoblù si imposero per 1-2 grazie alla doppietta di Marco Rossi.

Il ritorno di Zdeněk Zeman potrebbe giovare da subito al reparto offensivo abruzzese, ma la voglia di rivalsa del Genoa è immensa e Simeone e compagni godono dei favori del pronostico. Consigliamo di giocare il segno Over 3,5 nell’incontro tra Pescara e Genoa.

Condividi
Nato e residente in Svizzera, ma col sangue napoletano. Fanatico del gioco del calcio in tutte le sue forme, con un debole per la statistica.