RSL svizzera 22/a: vince il Sion, pareggi per GCZ, Basilea e Lugano

Gol ed emozioni, come sempre, nella Raiffeisen Suoper League svizzera: nonostante la lotta per il titolo si possa ormai dire conclusa (se mai fosse realmente cominciata, visto il passo tenuto dal Basilea fin dall’inizio del torneo), resta accessisima la battaglia per le posizioni di rincalzo, che valgono comunque l’Europa, anche quella che conta (la seconda piazza consente l’accesso ai preliminari di Champions League), oltre, naturalmente, a quella per la salvezza, che vede coinvolto il Lugano di Zeman, che oggi era impegnato nel posticipo delle 16, a San Gallo, contro gli ambiziosi biancoverdi guidati dal bavarese Zinnbauer. Ma vediamo com’è andata.

Negli anticipi del sabato, nettissima vittoria casalinga del Sion contro il Lucerna: a segno ancora con una doppietta il greco Gekas, già autore di due gol, nella sfortunata partita di Europa League a Braga in settimana. Se la prima rete dell’ex giocatore della nazionale ellenica, al 7′, può dirsi figlia del caso, e viziata anche da una posizione di fuorigioco dell’attaccante biancorosso (deviazione, da terra, di un tiro Assifuah che lo ha colpito prima di insaccarsi), la seconda, al 65′, è di quelle che, da queste parti, dove il calcio non è secondo a nulla, sanno apprezzare: una girata perfetta, che non ha lasciato scampo a Zibung. Tra i due gol di Gekas, è andato a segno proprio Assifuah, mentre la rete dei biancoblù (Puljić al 76′) ha alleggerito il passivo per gli ospiti. Questo successo ha proiettato, tra l’altro, i vallesani al quarto posto provvisorio in classifica, sorpassando proprio i lucernesi, incapaci di vincere, finora, nel 2016: mercoledì sera, la semifinale casalinga di coppa svizzera contro il Lugano varrà quasi tutta la stagione.

Nell’altro anticipo, al Letzigrund, lo Young Boys di Hutter è andato a vincere in trasferta contro lo Zurigo, facendo anche un piacere a Zeman. In una partita non bella, ai bernesi è bastato un lampo del francese Hoarau, ancora una volta puntuale all’apputamento con il gol. Questa volta, l’attaccante transalpino ha insaccato rapinando, con abilità, una ribattuta del portiere tigurino, al 50′. I bernesi, grazie al successo, si sono così provvisoriamente portati a un punto dalla seconda piazza, occupata dal GCZ di Tami, impegnato in trasferta a Vaduz.

Negli incontri di domenica, la capolista Basilea, reduce dalla vittoria maturata nel recupero, in Europa League, contro il Saint-Étienne, non è andata oltre il pareggio nella tana del Thun. Ottima la prova, invece, del Vaduz, fedele alla tradizione che vede l’ultima in classifica mai sconfitta: la squadra di Contini, in casa, è riuscita a pareggiare con il GCZ di Tani, trovando il gol con l’implacabile albanese Sadiku, dopo che i tigurini erano andati in vantaggio per primi, grazie a un rigore trasformato da Dabbur, ora capocannoniere (con Janko del Basilea): per loro, 13 centri totali.

Pareggio, e tante emozioni, nella partita di San Gallo tra i padroni di casa e il Lugano. Zeman, però, per la partita di mercoledì sera, la semifinale di Coppa svizzera a Lucerna, perde Čulina, uscito per infortunio, dopo aver subito un brutto fallo da parte di Angha. La cronaca dell’incontro, la potete leggere cliccando sul risultato finale, in basso.

Apriamo, invece, il resoconto della Challenge League parlando del successo, in trasferta, del Chiasso di Camolese, che ha battuto in trasferta il Bienne, rivale diretta nella lotta per non retrocedere (e alle prese con grossi problemi economici, forse in fase di risoluzione) per 1-2. I Momò hanno trovato il vantaggio con Laner (colpo di testa di su cross di Dossena), sfiorando poi il secondo gol con Ciarrocchi. Pareggio dei biancorossi nella ripresa, al 67′: rete di Sliskovic, ma errore del portiere rossoblù Guatelli. Sono stati però bravi, i ticinesi, a non farsi trascinare dal contraccolpo psicologico, resistendo agli assalti dei bernesi e andando addirittura a colpire nuovamente, e definitivamente, ancora con l’altoatesino Laner, al 79′.

Pareggio (1-1) nell’altro anticipo tra Wil e Wholen. Nelle partite di domenica, l’Aarau ha superato in casa il Le Mont 1-0, mentre lo Xamax ha superato 2-0 il Winterthur. In classifica, in attesa del tradizionale posticipo del lunedì, che li vedrà contrapposti in trasferta allo Sciaffusa, i romandi del Losanna guidano la classifica nettamente con 45 punti. Chiudono proprio i gialloneri, in attesa della capolista, assieme al Le Mont, entrambi con 23 punti. Il Chiasso, dopo le due vittorie consecutive, è ora in quinta posizione, con 27 lunghezze.

RSL svizzera 22/a giornata – risultati

Sion-Lucerna  3-1
Zurigo-Young Boys  0-1
Thun-Basilea  1-1
Vaduz-Grasshopper  1-1
San Gallo-Lugano  3-3

CLICCA QUI SOPRA PER VEDERE MARCATORI, STATISTICHE E CLASSIFICA DELLA RSL SVIZZERA 2015/16!

Condividi
Da bambino si innamorò del calcio vedendo giocare a San Siro Rivera e Prati. Milanese per nascita e necessità, sogna di vivere in Svezia, e nel frattempo sopporta una figlia tifosa del Bayern Monaco. Email: spulga@mondosportivo.it