Gand-Wevelgem 2015: Paolini, è goduria italiana

69

Domenica 29 marzo 2015. Una data che lo sport italiano ricorderà a lungo. Non solo per il ritorno alla vittoria della Ferrari in Formula 1 grazie a Sebastian Vettel, ma anche grazie a Luca Paolini. Il 38enne corridore della Katusha si è aggiudicato una delle classiche più importanti del ciclismo internazionale, la Gand-Wevelgem. E’ la settima vittoria azzurra in questa storica corsa, giunta alla sua 77esima edizione. L’ultimo italiano a vincere questa gara era stato Mario Cipollini, che colse il suo terzo successo personale alla Gand-Wevelgem nel 2002. Paolini ha vinto per distacco, precedendo di 11 secondi l’olandese Terpstra (Etixx – Quick Step) e l’inglese Thomas (Sky).

La corsa è stata caratterizzata per tutta la sua durata dalla pioggia e dal vento. Alcune raffiche hanno letteralmente tagliato il gruppo a inizio gara, tant’è vero che nei primi chilometri si è parlato di neutralizzazione. Una voce subito cancellata dall’incedere del plotone. La corsa si anima durante il penultimo passaggio sul Kemmelberg, la salita cardine della Gand-Wevelgem. Il belga Jürgen Roelandts (Lotto-Soudal) scatta e fa il vuoto. Al suo inseguimento si forma un gruppetto di cinque inseguitori: l’inglese Thomas (Sky), l’italiano Oss (BMC) e i belgi Vanmarcke (Lotto NL – Jumbo), Debusschere (Lotto-Soudal) e Vandenbergh (Etixx – Quick Step). I cinque poi vengono raggiunti prima dal nostro Paolini (Katusha) e poi dall’olandese Terpstra (Etixx- Quick Step). L’azione di Roelandts sembra inarrestabile, dato che riesce a ottenere un vantaggio di 2 minuti sugli inseguitori. Le gambe del belga, però, si fanno pesanti nel corso dell’ultimo passaggio sul Kemmelberg. Il vantaggio di Roelandts scema chilometro dopo chilometro, fino ad annullarsi del tutto quando al traguardo mancano 17 chilometri, dove viene raggiunto dal gruppetto alle sue spalle (che però non comprende più Oss, staccatosi sul Kemmelberg). Ai -15 scatto di Terpstra, subito inseguito e ripreso da Paolini. Sui due si riportano prima Thomas e Vandenbergh e poi ai -7,5 km dall’arrivo, anche Vanmarcke e Debusschere. Ai -6 km dall’arrivo, però, Paolini saluta tutti e se ne va. I compagni d’avventura non reagiscono e il vantaggio del barbuto corridore milanese raggiunge presto i 17 secondi, diventando incolmabile. E il tentativo di Terpstra e Thomas ai -3,5 km è buono solo per aggiudicarsi le altre due posizioni del podio. Una vittoria importante per Paolini. E che sa anche di ottimo auspicio per il Giro delle Fiandre di domenica prossima.

Gand-Wevelgem 2015, ordine d’arrivo
1. Luca Paolini (Katusha)
2. Niki Terpstra (Etixx – Quick Step)
3. Geraint Thomas (Sky)

Condividi
Nato a Salerno il 3 maggio 1986, laureato in Fisica, ex arbitro di calcio FIGC. “Sportofilo” a 360° con predilezione per calcio e ciclismo, è un acceso e convinto fantacalcista.