Coppa di Francia, quarti di finale: PSG fuori ai rigori, impresa storica dell’Evian

Quarti di finale di Coppa di Francia, tra martedì e mercoledì, con eliminazioni pesanti in entrambe le serate. Il Troyes accede alle semifinali, battendo in modo netto per 3-0 il Nancy, in casa (in gol anche l’ex-Inter Brechet). Ma la sorpresa della prima giornata è l’eliminazione del Saint-Etienne, che cade in casa per mano del Lorient, con la rete decisiva al 92′ dell’ex attaccante dell’Arsenal Jérémie Aliadière. Non basta all’ASSE il gol del momentaneo 1-1 di Pierre Aubameyang, ex Milan e di recente ritornato in auge come prospetto di mercato interessante per molte squadre.

Ieri sera, invece, il Bordeaux non sbaglia partita e va a vincere sul campo del Lens per 3-2, nonostante l’1-0 dei padroni di casa dopo soli 11 minuti. Decisiva la doppietta di Diabaté per conquistare l’accesso alle semifinali. Semifinali in cui non ci sarà il PSG di Ancelotti, eliminato dall’Evian TG a sorpresa, ai calci di rigore. La gara si conclude sull’1-1, con una prova maiuscola dei padroni di casa, una società la cui storia è curiosa (la fondazione risale soltanto a 10 anni fa). Ai calci di rigore sono proprio Thiago Silva e Ibrahimovic a fallire il colpo, mentre non arrivano errori dall’Evian, che può così festeggiare la più grande impresa della sua, fin qui, breve storia sportiva.

Il programma delle semifinali (in basso), prevede Troyes-Bordeaux e Evian-Lorient, il 7 maggio prossimo.

Martedì
Troyes-Nancy: 3-0 (52′ Brechet, 75′ Faussurier, 81′ Camus)
Saint Etienne-Lorient1-2 (44′ Barthelme (L), 75′ Aubameyang (S), 90’+2 Aliadière (L))

Mercoledì
Lens-Bordeaux2-3 (11′ aut. Carrasso (L), 59′ Sertic (B), 81′ e 85′ Diabaté (B), 90’+2 Bergdich (L))
Evian-PSG: 1-1, 4-1 dcr (9′ Pastore (P), 44′ Khelifa (E))

***

Programma delle semifinali, martedì 7 maggio 2013
Troyes-Bordeaux
Evian-Lorient

Condividi
Torinese, classe 1983. Da piccolo voleva vedere Wembley e il Maracanã, gli manca ancora il secondo. Toro e Arsenal nel cuore, sta fra un tackle di Gilberto Silva e Tony Adams che chiama il fuorigioco.