Sport USA: la Settimana a Stelle & Strisce – NFL

Nel ”La Settimana a Stelle & Strisce” dedicato alla NFL, questa settimana ci occupiamo dei cambi al timone delle varie franchigie che hanno deciso di invertire rotta ingaggiando nuovi allenatori, general managers, o coordinatori di attacco e difesa. Inoltre registriamo le ultime novità della offseason dopo due settimane infuocate di free agency (Mercato NFL– Mercato NFL 2), con le ultimissime firme. 

Ecco come 11 squadre NFL hanno cambiato i loro piani lo scorso gennaio, al termine della stagione regolare 2012:

 

ARIZONA CARDINALS

Fuori sia capo allenatore che general manager in quel di Phoenix. I Cardinals hanno chiuso dopo cinque stagioni il loro rapporto con Ken Whisenhunt, coach del Superbowl 2009, optando per l’ex offensive coordinator di Colts e Steelers Bruce Arians, alla prima stagione da capo allenatore NFL, anche se ha alle spalle l’esperienza di Indianapolis, dove ha dovuto sostituire per diverse gare Chuck Pagano colpito dai noti problemi di salute. Steve Keim, già nello staff con altre vesti, è stato promosso al ruolo di GM, sostituisce Rod Graves, e il suo compito piu’ importante finora è stato quello riguardante il ruolo di quarterback, con la separazione da Kevin Kolb e John Skelton, e la firma di Drew Stanton e quella ancora non ufficiale ma probabile di Carson Palmer.

 

BUFFALO BILLS

Nuovo head coach a Buffalo, con l’addio di Chan Gailey dopo tre stagioni e un record complessivo di 16 vittorie e 32 sconfitte. Il sostituto è Doug Marrone, reduce da tre stagioni a Syracuse University, che in passato ha lavorato nella NFL come coordinatore di Bill Parcells ai Giants e di Sean Payton ai Saints. Nathaniel Hackett (ex Syracuse) e Mike Pettine (ex Jets), saranno coordinatore offensivo e difensivo.

 

CAROLINA PANTHERS

I Panthers hanno nominato Dave Gettleman nuovo general manager lo scorso gennaio, dopo la separazione durante la scorsa stagione con Marty Hurney. Gettleman era parte del front office dei New York Giants. Confermato capo allenatore  Ron Rivera, mentre Mike Shula sostituerà nel ruolo di offensive coordinator Rob Chudzinski, trasferitosi a Cleveland.

 

CHICAGO BEARS

Lovie Smith non è riuscito negli ultimi anni a far raggiungere alla squadra un buon livello offensivo, per cui la scelta dei Bears è stata quella di sostituire dopo nove stagioni il coach del Superbowl 2006, per inserire un ex offensive coordinator come Marc Trestman. Reduce dall’esperienza vincente nella Lega Canadese dopo varie fermate NFL dal 1986 al 2004, Trestman ha sempre coordinato attacchi o allenato quarterbacks e running backs, e la prossima sarà la sua prima stagione da capo allenatore NFL.

 

CLEVELAND BROWNS

L’head coach Pat Shurmur e il GM Tom Heckert Jr. sono stati licenziati al termine della stagione, nell’ennesimo tentativo dei Browns di mischiare le carte in offseason (settimo allenatore in tredici anni). John Lombardi è il nuovo GM, mentre Rob Chudzinski è stato nominato nuovo capo allenatore, al suo primo ruolo di questo tipo in carriera. In passato Chudzinski, nativo dell’Ohio, è stato offensive coordinator dei Browns, nella stagione 2007/08. L’ex head coach dei San Diego Chargers Norv Turner sarà il suo assistente offensivo.

 

JACKSONVILLE JAGUARS

Dopo la peggior stagione nella storia della franchigia (2-14) sono stati allontanati sia il general manager Gene Smith che il capo allenatore Mike Mularkey. Il nuovo GM è David Caldwell, ex  che si è presentato dichiarando ‘impossibile’ l’arrivo in Florida di Tim Tebow dopo le tante voci che volevano l’ex Gator nuovo quarterback dei Jaguars. Come head coach è stato scelto Gus Bradley, ex defensive coordinator a Seattle dove è stato autore di un lavoro impeccabile trasformando i Seahawks in una delle migliori difese della Lega.

 

KANSAS CITY CHIEFS

Altra stagione da 2-14 è stata quella dei Chiefs (la seconda in cinque anni con solo due vittorie all’attivo), ed è costata il posto a Romeo Crennel e Scott Pioli. Il nuovo capo allenatore è un nome importante, Andy Reid, reduce da due stagione molto negative (oltre alla tragica morte del figlio avvenuta lo scorso agosto) a Philadelphia, dopo aver portato gli Eagles a cinque Championship e ad un Superbowl. Il nuovo GM è John Dorsey, ex uomo del front office (si usa questo termine negli sport americani per definire i ruoli manageriali o imprenditoriali all’interno di un’organizzazione) dei Green Bay Packers, che dovrà sfruttare al Draft del prossimo 25 aprile la prima chiamata assoluta (è la prima volta nella storia dei Chiefs che questo accade). Intanto il problema quarterback è stato al momento risolto con la firma di Alex Smith dai 49ers.

 

NEW YORK JETS

Nuovo GM anche a New York, dove è finita l’era Mike Tannenbaum (general manager dal 2006 ma nell’organizzazione dal 1997), sostituito da John Idzik, ex Seahawks. Resta al suo posto l’head coach Rex Ryan, ma è cambiato l’offensive coordinator: fuori Tony Sparano, dentro Marty Mornhinweg, gli ultimi sei anni a Philadelphia dopo un passato anche da head coach a Detroit.

 

PHILADELPHIA EAGLES

Dopo giorni di apparente indecisione e diversi nomi in lizza, la scelta per il successore di Andy Reid è ricaduta sull’ex allenatore di Oregon University, Chip Kelly, che aveva dichiarato che sarebbe restato in NCAA dopo i colloqui avuti con Bills e Browns. Gli Eagles devono averlo convinto ad accettare quella che sarà la sua prima espereinza NFL, dopo aver portato i Ducks al BCS 2011 con un record di 12-1.

 

SAN DIEGO CHARGERS

Tom Telesco è il nuovo general manager dei Chargers, assunto dopo l’ottimo lavoro a Indianapolis dove lavorava dal 1998 e dopo che i Colts sono passati da un record di 2-14 a quello di 11-5 in una sola stagione. Prende il posto di A.J. Smith. Lo stesso Telesco ha ingaggiato come nuovo head coach, al posto di Norv Turner, l’ex offensive coordinator dei Broncos Mike McCoy, in passato nel coaching staff dei Carolina Panthers.

 

 

 

NEWS DALLA LEGA

Dopo tre settimane di free agency, di cui vi abbiamo raccontato i movimenti piu’ importanti nelle scorse settimane, continuano ad arrivare notizie di mercato, e il valzer dei quarterback non è ancora terminato: sono cinque quelli di cui si è parlato negli ultimi giorni o per cambi di uniforme o per situazioni contrattuali. I Seattle Seahawks  cedono ad Oakland Matt Flynn in cambio di una scelta al prossimo Draft e ad una eventuale al Draft 2014. Flynn, riserva a Seattle del rookie Russell Wilson, aveva disputato una buona stagione nel 2008 a Green Bay in sostituzione di Aaron Rodgers, e potrebbe tornare al ruolo di QB titolare ad Oakland. Gli stessi Raiders cedono ad Arizona Carson Palmer, che non ha lasciato il segno nella baia ma che potrebbe avere chances importanti con i nuovi Cardinalas. I Cleveland Browns firmano per due anni il quarterback ex Redskins Jason Campbell e cedono Colt McCoy ai 49ers,  John Skelton passa da Arizona a Cincinnati (sarà la riserva di Andy Dalton) e Rex Grossman rifirma coi Redskins. I Dallas Cowboys hanno rinnovato il loro accordo con il quarterback Tony Romo, che ha firmato per altri sei anni a 108 milioni di dollari.

Altre news: i New England Patriots rinnovano con Sebastian Vollmer, uomo di linea offensiva, mentre San Francisco prova rilanciare il cornerback  Nnamdi Asomugha dopo la deludente esperienza con gli Eagles. Gli Atlanta Falcons raggiungono l’accordo per una stagione con il defensive end Osi Umenyora che lascia i Giants dopo dieci anni.0

Si ritira dopo 21 anni di carriera il kicker dei Detroit Lions John Hanson, che lascia nel Michigan una lunga serie di record, tra tutti quello delle 327 gare disputate tutte con la stessa maglia, oltre ad essere l’unico giocatore della storia NFL a mettere assieme 2.000 punti per una sola franchigia.

Condividi
Cresciuto a pane e calcio ma malato di sport americani sia professionistici che collegiali, faceva parte del primo MondoPallone. Ha collaborato, tra gli altri, con Calciomercato.com, RealSport e Firenzenews. Ha molte esperienze di eventi sportivi dal vivo in diversi Paesi.