Ronaldo, Benzema, Higuaín: troppo Real per il Galatasaray

Il Real per inseguire l’ossessione della decima Champions, il Galatasaray per continuare a sognare la prima. Nell’andata dei Quarti di finale della “coppa dalle grandi orecchie”, alla fine la spuntano i blancos per 3-0. Decidono le reti di Ronaldo e Benzema nel primo tempo e di Higuaín nella ripresa. Fra meno di una settimana si giocherà alla Türk Telekom Arena, ma alla squadra di Terim servirà qualcosa in più che un miracolo.

UNO-DUE… “REAL” – Tra gli spagnoli Benzema vince il ballottaggio con Higuaín, mentre Essien è preferito ad Arbeloa. L’Imperatore non ha paura e si presenta in abito offensivo con la coppia Drogba-Yilmaz, supportata da Sneijder e Altintop. L’avvio, manco a dirlo, è di marchio merengue: prima Benzema sfiora l’incrocio di testa, poi al 9′ Ronaldo rompe il ghiaccio. Filtrante di Özil per CR7, che beffa Muslera con un delizioso cucchiaio. Il Gala appare stordito, tenta confusamente di avvicinarsi dalle parti di López, ma le conclusioni dalla distanza di Drogba non impensieriscono il portiere spagnolo. Al Real basta accelerare per mettere in apprensione una difesa turca che lascia troppi spazi, e alla mezz’ora arriva il raddoppio: Essien pesca Benzema in area, il francese mette giù il pallone e non dà scampo a Muslera. Nel finale di tempo, i turchi avrebbero l’occasione per accorciare, ma Diego López è bravo su Eboué. Real padrone del campo, fra gli ospiti Drogba è l’unico che lotta e ci prova.

LA FIRMA DEL PEPITA Terim torna sui suoi passi e a inizio ripresa cambia l’impalpabile Sneijder con Gökhan Zan, rinforzando così la difesa. Effettivamente i turchi, almeno nel primo quarto d’ora, soffrono meno, con un Real che appare più preoccupato a non subire gol. Eppure, arriva anche la terza rete con il neo-entrato Higuaín, bravo a girare di testa una punizione dalla trequarti di Xabi Alonso. Nel finale, gialli tattici per i diffidati Ramos e Xabi Alonso, che si risparmieranno la gara di Istanbul. Ai turchi non rimane che recriminare per un possibile rigore per un pestone di Ramos ai danni di Yilmaz, ma nulla di più. Quasi giunta al capolinea, dunque, l’avventura europea del Gala; Mourinho, invece, “vede” la semifinale e per il Real continua la dolce ossessione della Champions.

 

REAL MADRID-GALATASARAY 3-0 (2-0)

Real Madrid (4-2-3-1): Diego López 6,5, Varane 7, Ramos 6, Coentrão 6, Khedira 6,5, Özil 6,5 (80′ Modrić s.v.), Xabi Alonso 7, Essien 6,5, Di María 6 (85′ Pepe s.v.), Ronaldo 7, Benzema 7 (64′ Higuaín 7). A disp.: Adán, Marcelo, Arbeloa, Kaká. All.: Mourinho.

Galatasaray (4-3-1-2): Muslera 5,5, Nounkeu 6, Semih Kaya 5, Eboué 6,5, Hamit Altintop 5 (78′ Umut Bulut s.v.), Selçuk Inan 6, Felipe Melo 6, Riera 5,5 (83′ Amrabat s.v.), Sneijder 4,5 (46′ Gökhan Zan 6), Drogba 6,5, Burak Yilmaz 5A disp.: Eray Işcan, Hakan Balta, Sabri Sarioğlu, Yekta Kurtuluş. All.: Terim.

Arbitro: Svein Oddvar Moen (NOR).

Marcatori: 9′ Ronaldo (R), 29′ Benzema (R), 73′ Higuaín (R).

Note: Ammoniti: 40′ Nounkeu (G), 70′ Felipe Melo (G), 78′ Yilmaz (G), 84′ Essien (R), 84′ Xabi Alonso (R), 87′ Drogba (G), 89′ Ramos (R), 91′ Modrić (R). Recupero: 1′ p.t. / 3′ s.t.

Condividi
Sardo di origini sicule, ama il calcio dalle “notti magiche” di Italia ’90. È laureato in Lingue con una tesi sulla lingua del calcio. Pubblicista, ha collaborato col periodico Vulcano e la tv sarda Videolina. Email: fcucinotta@mondosportivo.it