Premier League, 31/a giornata: Manchester United senza sosta, si accende la corsa all’Europa

31esima giornata di Premier League, dopo la pausa per le Nazionali, e la musica non cambia in vetta alla classifica, dove il Manchester United vince allo Stadium of Light contro il Sunderland, rete decisivia di Robin van Persie. Restano 15 i punti di vantaggio sul Manchester City, che demolisce il Newcastle in casa per 4-0. Corsa al titolo ormai decisa, quando mancano 9 turni alla fine, si accende la sfida per i posti che valgono la partecipazione alle coppe europee del prossimo anno.

Il Chelsea crolla a Southampton, 2-1, e lascia strada al Tottenham, solido e vincente sul campo dello Swansea, con un Gareth Bale sempre sugli scudi. Vincono anche Arsenal ed Everton, rispettivamente contro ReadingStoke City, e continuano a tenere il ritmo degli Spurs. Dal Tottenham, terzo, all’Everton, sesto, ci sono 6 punti e 4 squadre coinvolte, tutto resta apertissimo.

In coda, detto della sconfitta del Reading, pesante a livello di lotta per la salvezza, vince il Wigan nel finale contro il Norwich e si rilancia a -1 dal Sunderland. Vince anche il West Ham, un bel 3-1 interno sul WBA con doppietta di Andy Carroll.

Sabato
Sunderland-Manchester United: 0-1 (27′ van Persie)
Arsenal-Reading: 3-1 (11′ Gervinho (A), 48′ Cazorla (A), 67′ Giroud (A), 69′ Robson-Kanu (R), 77′ rig. Arteta (A))
Manchester City-Newcastle: 4-0 (41′ Tevez, 45’+2 Silva, 56′ Kompany, 69′ aut. Perch)
Southampton-Chelsea: 2-1 (23′ Rodriguez (S), 33′ Terry (C), 35′ Lambert (S))
Swansea-Tottenham: 1-2 (8′ Vertonghen (T), 21′ Bale (T), 71′ Michu (S))
West Ham-WBA: 3-1 (16′ e 80′ Carroll (WH), 28′ O’Neil (WH), 88′ rig. Dorrans (W))
Wigan-Norwich: 1-0 (81′ Kone)
Everton-Stoke: 1-0 (28′ Mirallas)

Domenica
Aston Villa-Liverpool1-2 (30′ Benteke (A), 47′ Henderson (L), 60′ rig. Gerrard (L))

Lunedì
Fulham-QPR: 3-2 (8′ rig. e 22′ Berbatov (F), 41′ aut. Hill (F), 45′ Taarabt (Q), 51′ Rémy (Q))

PER VEDERE LA CLASSIFICA DI PREMIER LEAGUE CLICCA QUI

Condividi
Torinese, classe 1983. Da piccolo voleva vedere Wembley e il Maracanã, gli manca ancora il secondo. Toro e Arsenal nel cuore, sta fra un tackle di Gilberto Silva e Tony Adams che chiama il fuorigioco.