Quagliarella-Matri, è una Juventus d’attacco: Inter sconfitta per 1-2

La Juventus vince il derby d’Italia contro l’Inter vendicando la sconfitta subita all’andata: Quagliarella sblocca la partita dopo tre minuti, Palacio pareggia i conti a inizio ripresa, ma i bianconeri mettono di nuovo la testa avanti grazie a Matri. Nel finale brutto intervento di Cambiasso su Giovinco: rosso sacrosanto per l’argentino.

SUBITO QUAGLIARELLA – Stramaccioni recupera Samuel, ma perde Juan Jesus per squalifica; a centrocampo confermato Kovacic al fianco di Gargano, mentre Alvarez vince il ballottaggio con Schelotto. La Juventus ritrova Chiellini dal primo minuto, con Padoin titolare sulla fascia destra e la coppia Quagliarella-Matri in attacco.
Gol-lampo di Vidal all’andata, rete fulminea anche al ritorno: ad andare a segno, però, è Quagliarella che sfrutta un anticipo sballato di Ranocchia e col destro trafigge Handanovic. La marcatura di Alvarez su Pirlo funziona a corrente alternata, Kovacic è bravo a gestire il pallone e l’Inter reagisce prima con una bella conclusione di Cassano dalla distanza, poi con un colpo di testa di Palacio sotto porta: Buffon è strepitoso nel respingere entrambe le occasioni. La partita sale di colpi, le squadre si affrontano a viso aperto: la Juve ha diverse occasioni per raddoppiare, la più clamorosa con Vidal, che a tu per tu con Handanovic non trova il tempo della conclusione. Pirlo è incontenibile con la palla tra i piedi, Zanetti macina chilometri sulla fascia: l’ultima occasione del primo tempo è per Palacio, che di testa trova ancora una volta la presa sicura di Buffon.

PALACIO ILLUDE, MATRI PUNISCE – La ripresa comincia allo stesso modo in cui era terminato il primo tempo: Guarin rileva un opaco Alvarez, la Juventus spinge sotto i colpi di Pirlo, ma è l’Inter a trovare il pareggio. Kovacic serve Cassano in verticale, il barese cerca e trova l’inserimento di Palacio, che con un gran controllo spiana la strada per il destro che trafigge un incolpevole Buffon. La Juventus non molla e ha il carattere per trovare nuovamente la rete, grazie a una bella combinazione tra Quagliarella e Matri: proprio quest’ultimo, da pochi metri, trova il destro vincente che regala il secondo vantaggio di giornata alla Juventus. L’Inter passa a quattro in difesa quando Cambiasso prende il posto di Ranocchia: il derby d’Italia si infiamma grazie a un bellissimo slalom di Kovacic, fermato in extremis da una super intervento di Chiellini. Nel finale succede di tutto: Cassano prima reclama un rigore e poi si fa male alla caviglia, il tecnico romano inserisce Rocchi e tenta l’assalto alla disperata con il 4-3-3. Sale anche Handanovic negli ultimi – disperati – tentativi nerazzurri, ma non basta: finisce 1-2 per la Juventus, sempre più dominatrice del campionato.

INTER-JUVENTUS 1-2 (0-1)

Inter (3-4-1-2): Handanovic 5,5; Ranocchia 5,5 (66′ Cambiasso 4), Samuel 6,5, Chivu 6; Zanetti 6, Gargano 5,5 (80′ Rocchi sv), Kovacic 6,5, Pereira 5,5; Alvarez 5,5 (46′ Guarin 6,5); Palacio 7, Cassano 6. A disp.: Belec, Carrizo, Silvestre, Kuzmanovic, Rocchi, Benassi, Jonathan, Pasa, Nagatomo. All.: Andrea Stramaccioni.
Juventus (3-5-2): Buffon 6,5; Barzagli 7, Bonucci 6, Chiellini 6; Padoin 5,5, Vidal 6, Pirlo 7, Marchisio 6,5, Asamoah 5,5 (63′ Peluso 6); Quagliarella 7 (83′ Giovinco sv), Matri 6,5 (74′ Pogba 6,5). A disp.: Storari, Rubinho, De Ceglie, Anelka, Giaccherini, Marrone. All.: Antonio Conte.
Arbitro: Nicola Rizzoli di Bologna.
Marcatori: 3′ Quagliarella (J), 54′ Palacio (I), 60′ Matri (J).
Note – Ammoniti: Gargano, Pereira, Ranocchia (I), Barzagli, Giovinco, Chiellini (J). Al 94′ espulso Cambiasso per un intervento pericoloso ai danni di Giovinco.

Condividi
Nato a Genova nel maggio 1992; è un appassionato di calcio, basket NBA e pallavolo (sport che ha praticato per molti anni). Frequenta la facoltà di Scienze Politiche, indirizzo amministrativo e gestionale. Email: alelli@mondosportivo.it