Rugby, Gavazzi: “Maradona e Papa Francesco al San Paolo per Italia-Argentina”

Si tratta di poco più di un’idea, ma da Papa Francesco ci si può aspettare di tutto. L’iniziativa proviene dalla massima autorità italiana nel rugby: Alfredo Gavazzi, il presidente della FIR (Federazione Italiana Rugby). È un sogno, è vero, ma non si può escludere che possa tramutarsi in realtà: il nuovo pontefice sugli spalti del San Paolo per il test match che gli Azzurri giocheranno proprio contro l’Argentina il prossimo novembre: “Il fax con l’invito ufficiale è partito giovedì scorso. Ci vorranno i tempi tecnici prima di ricevere una risposta formale, ma dopo una chiacchierata in Vaticano con il Console, nutriamo più di qualche speranza”.

D’altronde Papa Bergoglio, per quel che s’è visto finora, è ben lontano dal profilo papale a cui siamo abituati, è uno sportivo, ha giocato a rugby da bambino e suo padre era rugbista. Chissà che non prenda seriamente in considerazione l’invito: “Il rugby è uno sport per famiglie, uno sport di combattimento, ma nel nome dell’amicizia e della fratellanza.”, ha precisato oggi Gavazzi, “Sarebbe bellissimo avere un tifoso come lui. Tra l’altro, è probabile che ci sarà anche un altro ospite d’eccezione: Diego Armando Maradona.

Se i due ospiti risponderanno all’invito, è facile pensare che quel giorno a Napoli sarà una vera festa. Il rugby ha già dato dimostrazione della sua straordinaria forza d’unione. Lo sport italiano avrebbe bisogno anche di questo.

Condividi
Sardo di origini sicule, ama il calcio dalle “notti magiche” di Italia ’90. È laureato in Lingue con una tesi sulla lingua del calcio. Pubblicista, ha collaborato col periodico Vulcano e la tv sarda Videolina. Email: fcucinotta@mondosportivo.it