Sneijder sull’addio all’Inter: “Non è colpa di Stramaccioni”

A distanza di due mesi dal suo trasferimento al Galatasaray, Wesley Sneijder ritorna sull’argomento e solleva Strama da eventuali colpe in merito al suo addio all’Inter: “Ho capito che dovevo andare via e, come sempre, mi sono preso le mie responsabilità. Stamaccioni a 36 anni ha avuto l’opportunità di allenare una grande squadra e non poteva certo andare contro il volere del presidente”.

Ma l’olandese, intervistato dal portale del suo paese Volkskrant, ci tiene a precisare che “all’Inter ho vissuto grandi momenti, anche col presidente Moratti. Non è neanche sua la colpa. Devo molto a lui e a questo club, non sono assolutamente triste”.

Ma ora il presente del capitano della Nazionale Oranje ha un nome: “Se un club non è interessante ai miei occhi, non lo valuto nemmeno. Non sono mai stato deluso dell’approdo al Galatasaray”.

Condividi
Sardo di origini sicule, ama il calcio dalle “notti magiche” di Italia ’90. È laureato in Lingue con una tesi sulla lingua del calcio. Pubblicista, ha collaborato col periodico Vulcano e la tv sarda Videolina. Email: fcucinotta@mondosportivo.it