Natalino: “Grazie Inter, ho vinto la gara più dura”

Ha vinto la battaglia più dura, quella più insidiosa, che prescinde dal rettangolo di gioco, da schemi o tatticismi vari. Non sempre chi ci mette l’anima, alla fine la spunta. Ma lui ce l’ha fatta. Felice Natalino, 21 anni domenica, è un uomo nuovo, rinato dopo essere stato sottoposto a un intervento chirurgico al cuore.

Lo scorso febbraio, infatti, è stato colpito da una forte crisi cardiaca, causata da un’aritmia che gli era stata riscontrata da tempo: “È una storia triste, ma sono stato fortunato ad affrontare subito il problema”, spiega il giovane difensore in un’intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport, l’Inter mi è stata molto vicina, ringrazio tutta la società: Moratti che mi ha mandato i saluti dopo l’intervento e Zanetti, Córdoba e Ausilio per le numerose telefonate che mi hanno fatto”.

A metà aprile il ragazzo si sottoporrà a una visita di controllo che potrebbe spalancargli, nuovamente, le porte del grande calcio, dopo l’esordio in serie A (contro Parma e Lazio) e in Champions League (a Brema contro il Werder) durante l’era Benitez: “Ho un contratto con l’Inter fino al 2014, ma non voglio illudermi. Sono sereno e felice ora che sto bene a livello di salute. Il calcio è una cosa bella, ma non è tutto nella vita.

E allora in bocca al lupo Felice, la vita, ancor prima del calcio, ti ha concesso una seconda possibilità.

Condividi
Sardo di origini sicule, ama il calcio dalle “notti magiche” di Italia ’90. È laureato in Lingue con una tesi sulla lingua del calcio. Pubblicista, ha collaborato col periodico Vulcano e la tv sarda Videolina. Email: fcucinotta@mondosportivo.it