Totti: “Grazie Prandelli, ma si vedrà”

Francesco Totti, dopo essere entrato nella storia del calcio italiano con i suoi 226 gol, potrebbe tornare a vestire la maglia azzurra. Il capitano della Roma, grazie alle sue imprese sul campo di gioco, sta ricevendo elogi da colleghi, appassionati e addetti ai lavori. Non ultimo l’elogio riservatogli dal CT della Nazionale Cesare Prandelli che ne ipotizza un ritorno in azzurro per i prossimi Mondiali. Ricordiamo che Totti non veste l’azzurro dalla storica finale di Berlino del 2006, quando l’Italia divenne Campione del Mondo per la quarta volta.
Totti ringrazia e, intervistato al Circolo Canottieri Aniene dove era presente per un’iniziativa benefica, afferma: “Le parole di Prandelli mi hanno fatto molto piacere. Non so se rientrerò a far parte della Nazionale. Certo in questo momento sto bene. Però da qui al 2014 si vedrà. Può darsi pure che tra un anno smetta, chi lo sa ? Quando Prandrelli mi chiamerà vedremo” – sulla sua attuale condizione fisica – “Mantenersi in forma, essere professionista, ci sono annate in cui va meglio ed annate in cui va peggio. Ma molto dipende dalla preparazione di Zeman e da una dieta particolare. Ma il mio sogno più grande in questo momento è rigiocare la Champions con la Roma”.

A fine intervista una piccola parentesi sul suo futuro in giallorosso e sull’esito del campionato italiano: “Non ho ancora cominciato a parlare con la società per il rinnovo del contratto. Lo farò non appena mi chiameranno. Nessuno a 36 anni si sarebbe aspettato di trovarmi in questo modo. Sulla Juventus ? Conte ha fatto bene ad esultare, era rivolto ai suoi tifosi. Quando si sta vincendo lo scudetto è doveroso festeggiare. E la Juve lo ha già vinto”.

Condividi
Nato a Catanzaro il 10 dicembre 1987, vive a Roma dove studia Scienze della comunicazione. Appassionato di football americano e calcio, ha collaborato ai programmi radiofonici "E il pallone lo porto io" e "Snap Magazine".