Riecco Sannino: “Stiamo zitti e lavoriamo sodo”

Giuseppe Sannino è tornato sulla panchina del Palermo per volere del vulcanico presidente, Maurizio Zamparini, e poco fa ha rilasciato le prime dichiarazioni da neo tecnico dei rosanero: “L’amarezza è passata – commenta l’ex allenatore del Siena – sono altre le cose nella vita che comportano sofferenze. Zamparini sa che ho tanto entusiasmo. Il Palermo non è ancora morto. Dal primo allenamento ho visto l’atteggiamento giusto, i ragazzi hanno capito che non è più il tempo del fioretto ma della sciabola. Da qui alla fine del campionato ci attendono tante battaglie”.

Sannino promette impegno e professionalità ma non vuole illudere nessuno: “Non voglio fare proclami perché non servirebbero a nulla. Dobbiamo soltanto lavorare sodo, stare zitti e pensare a perché si è arrivati a questo punto e cosa si può fare in queste dieci partite. Siamo in debito con i nostri tifosi: da noi si aspettano che concludiamo questo campionato con sacrificio e dignità”.

Per finire, l’approccio con i nuovi giocatori e la preparazione della delicata sfida in casa del Milan: “Devo trovare il tempo di conoscere bene i nuovi giocatori – dice ancora Sannino – In genere non ci metto molto, ho bisogno di una settimana partendo da ciò che conosco meglio. Di certo non guarderò in faccia nessuno. Il Milan? Non è detto che con il giusto atteggiamento Davide non possa battere Golia, a me questa storia è sempre piaciutaSan

Condividi
Giornalista pubblicista nato a Moncalieri il 9/7/86, vive a Formia (LT). Vicedirettore di MondoPallone, telecronista, opinionista e co-conduttore del programma #FuoriGGioco. Adora il calcio estero e la NBA. Email: miannotta@mondosportivo.it