Verso Barcellona-Milan, Piquè vuole una bolgia: “Devono crederci in 98.000”

“Dobbiamo essere 98.000 al Camp Nou che pensano di potercela fare”. Gerard Piquè non ha dubbi, la qualificazione è più possibile di quel che ci si aspetti: per farlo, però, i blaugrana hanno bisogno di tutto il sostegno possibile e immaginabile, come solo i tifosi del Barcellona sanno fare.

Chi non crede alla rimonta e alla qualificazione è meglio se lascia il biglietto a parenti o amici – ha continuato il difensore spagnolo – Dobbiamo vincere con Tito (Vilanova, ndr) da New York. Il 3-0 ci servirebbe, ma non ho la sfera di cristallo. La dedica è già pronta, ora serve solo compiere l’impresa per tornare a spaventare l’Europa: “Ho visto la classifica di Liga, abbiamo venti goal in più della seconda. Il nostro punto forte è la rete, domani possiamo seganre, possiamo farcela anche se il Milan si chiuderà. Proveranno a tenere lo 0-0 il più a lungo possibile”.

Gli ultimi risultati, però, non sono incoraggianti, viste le sconfitte contro Milan e Real Madrid: “Non ci sono scuse, è vero. Domani sarà difficile, ma l’annata è comunque bellissima, fenomenale. Sappiamo quello che possiamo fare, vogliamo qualificarci per noi stessi, non per rispondere a qualcuno”.

Nella testa del difensore blaugrana, però, c’è un solo pensiero fisso: “Non dobbiamo prendere goal, penso solo a questo. Altrimenti sarebbe letale per noi”.

Condividi
Nato a Genova nel maggio 1992; è un appassionato di calcio, basket NBA e pallavolo (sport che ha praticato per molti anni). Frequenta la facoltà di Scienze Politiche, indirizzo amministrativo e gestionale. Email: alelli@mondosportivo.it