Russia, 20a giornata: riprende la corsa del CSKA, alla Dinamo il derby moscovita

E’ la Dinamo ad aggiudicarsi il derby con la Lokomotiv: una partita molto equilibrata, dove probabilmente la Lokomotiv avrebbe meritato quantomeno il pari. Prosegue la corsa del CSKA, che batte a domicilio il Krylya Sovetov, mentre l’Alania manca un’ occasione importante in casa col Rostov.

DINAMO-LOKOMOTIV 1-0 20′ Sovoljev

Chi l’avrebbe mai detto, proprio quel tanto chiacchierato Sovoljev  regala i primi tre punti del 2013 ai poliziotti. Il talentuoso laterale sinistro classe 1993 ha già firmato con lo Zenit per la prossima estate, è stato per questo contestato, ma non ha mancato di onorare la maglia con una prestazione da vero professionista. In casa Lokomotiv tanta delusione; Bilic e soci potevano uscire dalla Khimki Arena con qualche punto oggi ma uno Shunin in giornata seguito da troppi errori sottoporta ha costretto i ferrovieri a cedere la gara e a subire il sorpasso proprio della Dinamo in classifica.

La rete decisiva arriva a metà del primo tempo: discesa sulla destra di Dzsudzsak che mette dentro, Kokorin impegna Guilherme che respinge sui piedi di Sovoljev, lesto a mettere dentro l’1-0. Nella ripresa Yusupov viene espulso, ma nonostante la superiorità numerica la Lokomotiv non trova l’appuntamento col pareggio.

Durica (dif. Lokomotiv):”Peccato, meritavamo di più. Abbiamo giocato bene, ma nei momenti importanti sembrava che la palla non volesse entrare. Sono contento comunque perchè abbiamo dimostrato carattere. La Dinamo non meritava di vincere, hanno badato soltanto a difendersi. Se continuamo così i punti arriveranno”

Kuranyi (att. Dinamo): “Abbiamo fatto una preparazione seria e abbiamo vinto perchè fisicamente stavamo meglio di loro. Solovjev? Rispettiamo le decisioni di tutti. Nel gruppo c’è una bella atmosfera, e la sua prova odierna l’ha dimostrato.”

Kokorin (att. Dinamo): “Abbiamo vinto il derby, è questo quello conta. Non so perchè dopo il gol ci siamo chiusi così tanto, questo è un problema che avevamo soprattutto in passato. Ringrazio i nostri tifosi, mentre non voglio rispondere ai cori di quelli avversari.”

Shunin (por. Dinamo): “Partita molto dura. Come tutti i derby d’altronde; abbiamo saputo soffrire e abbiamo portato a casa tre punti pesantissimi. Tre punti nel derby e porta inviolata, cosa potrei chiedere di più?”

Yusupov (cen. Dinamo): “E’ la prima espulsione della mia carriera. Sono stato sciocco, avevo appena preso un giallo e non dovevo rischiare. Ho sofferto molto per i miei compagni che però non mi hanno deluso e hanno portato a casa ugualmente i tre punti.”

Sovoljev (cen. Dinamo): “Non era facile per me scendere in campo dopo quanto accaduto in inverno. Devo ringraziare Petrescu, non avrei mai creduto che mi avrebbe schierato titolare”

Bilic (all. Lokomotiv): “Fantastica atmosfera oggi allo stadio. Sono dell’idea che dobbiamo proseguire su questa strada. Abbiamo un conto in sospeso con la sorte, che già ci ha  danneggiato con CSKA, Volga, Anzhi e Amkar.”

Noboa (cen. Dinamo): “Abbiamo supportato Solovjev. Non importa quanto dicano i tifosi, andare in un’altra squadra fa parte del gioco”

Petrescu (all. Dinamo): “Solovjev ha un contratto con noi al momento, quindi non vedo perchè non possa impiegarlo. Capisco i nostri tifosi, ma loro devono capire me. Sapeta? Si sta allenando, ma non è ancora pronto. E con la squalifica di Yusupov avremo bisogno di lui. Lampard? Gliel’ho detto anche lui, se avessimo i soldi sarebbe il primo che andremmo a prendere.”

KRYLYA SOVETOV-CSKA MOSCA 0-2 38′ Wernbloom, 69′ Musa

Comincia con una vittoria la corsa al titolo del CSKA. Una prova convincente, su un campo pessimo, che risulta essere un monito alle altre pretendenti alla prima piazza. Sugli scudi Dzagoev e Vagner Love, mentre in casa Krylya, come ha ammesso lo stesso Gadzhiev, c’è ancora da lavorare.

Il vantaggio ospite arriva sul finire della prima frazione di gioco, quando Wernbloom salta più in alto di tutti e trafigge con una bella incornata Veremko. Nella ripresa il 2-0 è firmato da Musa, che duetta alla grande con Love e chiude i conti.

Slutskyj (all. CSKA): “Bella vittoria, non era facile in queste condizioni. Sono fiducioso per il futuro del Krylya, si salverà.”

Gadzhiev (all. Krylya): “Il CSKA ha giocatori di livello e ha vinto meritatamente. Non mi è piaciuto l’operato del nostro centrocampo. Kornilenko? Non era al meglio

ALANIA-ROSTOV 0-0

Occasione sprecata per l’Alania, che nel match casalingo col Rostov poteva rintuzzare il distacco dalle altre contendenti per la salvezza. E pensare che i bookmakers avevano tolto le quote per un enorme flusso di scommesse sul segno “1”. Punticino molto importante per il Rostov, che potrà vantare a fine campionato migliori scontri diretti con gli osseti. Osseti che non vincono dallo scorso 20 agosto. Troppo per una squadra che vuole salvarsi.

Bozovich (all. Rostov): “Cosa ho pensato quando Bressan ha sbagliato quel gol al 90′? Ho ringraziato il cielo e Pletikosa. Sono contento perchè abbiamo giocato bene nonostante i bookmakers non ci dessero chance. Un pareggio in trasferta è sempre un ottimo risultato.”

Gazzaev (all. Alania): “Neko? Ci ha messo l’anima, ma uno dei goleador del torneo deve anche segnare. Drenthe? Sono molto contento della sua performance, non giocava da 10 mesi. Oggi c’erano tre delegati della federazione a questo match, eletto come il più delicato della giornata; se avessimo vinto, l’avremmo fatto in maniera pulita. Sono 23 anni che alleno e non ho mai visto una roba del genere.

Condividi
Grande appassionato di calcio russo, tifoso dello Zenit San Pietroburgo. Estimatore del calcio giocato nei luoghi meno nobili e più nascosti, preferirebbe vedere un Torpedo-Alaniya rispetto a uno Juventus-Milan. Email: mbraga@mondosportivo.it