Champions League: Mourinho espugna Old Trafford, Manchester United-Real Madrid 1-2

Il Real Madrid batte il Manchester United, ad Old Trafford, per 2-1, in una partita giocata sempre a ritmi piuttosto alti, segnata nella ripresa dall’espulsione di Nani e dalla rimonta spagnola con Modric e Cristiano Ronaldo, dopo l’autorete di Sergio Ramos. Real ai quarti di Champions League, Red Devils eliminati.

MOLTO RITMO, POCA LUCIDITÀ – L’atmosfera a Old Trafford è splendida. Lo speaker dello stadio sottolinea il ritorno di Cristiano Ronaldo a Manchester e tutto il pubblico esplode in un boato di riconoscenza e “bentornato a casa”. La gara inizia sulla stessa linea, ritmo molto alto, il Real gioca meglio, con un possesso palla più continuo, ma lentamente i padroni di casa prendono campo e al 21′ la prima grande occasione: corner dalla sinistra di Giggs, incornata di Vidic e palo pieno. Sulla ribattuta Welbeck manda addosso a Lopez da un metro, ma era comunque in posizione di fuorigioco. Fase favorevole allo United, ora, che tenta ancora di spingere ma si apre al contropiede quando, alla mezz’ora, Higuain si invola in solitaria ed è chiuso bene da De Gea in uscita. Sul fronte opposto, doppio salvataggio di Lopez: prima gran respinta su van Persie e, subito dopo, deviazione miracolosa su Welbeck che cercava la ribattuta vincente. Il ritmo cala nei minuti finali, con Mourinho che è costretto a sostituire Di Maria, infortunato, facendo entrare Kakà e si va al riposo sullo 0-0.

POLEMICHE E RIMONTA REAL – La ripresa inizia con lo United a testa bassa: al 48′ subito mischia in area, due respinte consecutive su Welbeck e van Persie, la palla viene rigiocata dalla sinistra da Nani che mette un cross basso in mezzo, piccola deviazione ancora di Welbeck che trae in inganno Ramos e lo costringe all’autorete. 1-0 United. La gara si accende, passano meno di dieci minuti e Nani viene espulso direttamente per un’entrata scomposta su Arbeloa, probabilmente non volontaria. Mourinho toglie proprio il terzino spagnolo e inserisce Modric, avanzando il baricentro dei suoi. Ed è proprio Modric, al 66′, a trovare il pareggio madrileno. Palla ricevuta ai 30 metri, con molto spazio a disposizione, e gran destro dalla distanza che batte sul palo alla sinistra di De Gea e si infila in rete (qui il video). Lo United sembra accusare il colpo, il Real avanza nuovamente entrando in area dalla destra, tiro-cross rasoterra di Higuain sul quale si avventa Cristiano Ronaldo che appoggia in rete sul secondo palo. 2-1 Real, punteggio ribaltato improvvisamente e qualificazione a un passo. I Red Devils hanno ora bisogno di due reti per passare il turno, ma l’iniziale reazione offensiva non porta risultati e le merengues riprendono campo e possesso palla, abbassando i ritmi. Il Manchester prova con le ultime energie ma Lopez salva con grande presenza su Carrick e van Persie, mentre Rooney calcia alto da pochi metri. Ma ormai non c’è più tempo, il Real regge bene e conquista la qualificazione ai quarti di Champions League sulla quale pesa, però, la decisione arbitrale dell’espulsione a Nani, sembrata estremamente eccessiva.

MANCHESTER UNITED-REAL MADRID 1-2 (0-0)

Manchester United (4-4-2): De Gea, Rafael (88′ Valencia), Ferdinand, Vidic, Evra, Nani, Cleverley (73′ Rooney), Carrick, Giggs, Welbeck (81′ Young), van Persie. A disp.: Lindegaard, Evans, Kagawa, Hernandez. All.: Ferguson.
Real Madrid (4-4-2): Lopez, Arbeloa (59′ Modric), Ramos, Varane, Coentrao, Ozil (71′ Pepe), Khedira, Xabi Alonso, Di Maria (45′ Kakà), Cristiano Ronaldo, Higuain. A disp.: Adan, Albiol, Callejon, Benzema. All.: Mourinho.
Arbitro: Cüneyt Çakır (Turchia).
Marcatori: 48′ aut. Ramos (M), 66′ Modric (R), 69′ Cristiano Ronaldo (R)
NoteAmmoniti: Evra, Carrick (M), Arbeloa, Kakà, Pepe (R). Espulsi: 57′ Nani (M) per intervento scomposto su Arbeloa.

Clicca qui per le pagelle della gara.

Condividi
Torinese, classe 1983. Da piccolo voleva vedere Wembley e il Maracanã, gli manca ancora il secondo. Toro e Arsenal nel cuore, sta fra un tackle di Gilberto Silva e Tony Adams che chiama il fuorigioco.