Torino-Palermo: precedenti, numeri e statistiche

Il Torino per puntellare una classifica già di per se tranquilla, il Palermo per sperare ancora in una salvezza che sembra essere proibitiva. Si può sintetizzare così il match che andrà in scena all’ombra della mole.  I padroni di casa vengono dalla rocambolesca sconfitta di Cagliari, ma nel 2013 hanno già conquistando dodici punti in otto partite. Il Palermo invece è in una situazione di assoluta emergenza: l’ultima vittoria risale al 24 novembre, mentre per ritrovare l’ultimo acuto in trasferta bisogna tornare addirittura al primo aprile 2012, quando i rosanero passarono a Bologna. Tutto ciò ha portato i siciliani a diventare il fanalino di coda della Serie A.

Bisogna invece andare molto più indietro per trovare l’unica vittoria del Palermo in Serie A a casa dei granata. Era la stagione 1932-33 e i rosanero si imposero per 1-0. Nelle altre sfide tra le due squadre giocate nella massima serie a Torino, si registrano ben 15 vittorie granata e tre pareggi. L’ultimo precedente risale al 2008/09, quando il match finì con il punteggio di 1-0 per i padroni di casa. Decisivo il gol dell’austriaco Jürgen Säumel. In 19 confronti, il Palermo è riuscito a trovare la rete soltanto in nove occasioni. L’ultimo gol rosanero all’Olimpico lo ha firmato Amauri nella stagione 2007-08. Il risultato fu di 3-1 per i granata.

In realtà però, in questa stagione il Torino le sue fortune le ha costruite soprattutto in trasferta. Infatti, su 31 punti conquistati, ben 14 sono arrivati in trasferta, con ottimi risultati come i pareggi esterni ottenuti a Roma con la Lazio, a Napoli e a Milano con l’Inter. L’Olimpico però è un fortino inespugnabile dal 9 dicembre, giorno in cui il Milan è passato con il punteggio di 4-2. Impietosi i dati sulle trasferte della squadra siciliana: cinque punti su 39 disponibili conquistati, con 22 gol subiti e appena sei segnati.

In buona sostanza, se la squadra palermitana vuole avere qualche chance di uscire con un risultato positivo dal match dell’Olimpico, deve migliorare soprattutto la sua fase realizzativa, dato che, con 22 gol segnati, ha il secondo peggior attacco della Serie A. Il Toro invece, proverà ad affidarsi ancora alla straordinaria vena di Alessio Cerci, che è il miglior marcatore granata del 2013 con quattro gol realizzati. Appuntamento all’Olimpico di Torino, ore 12:30.

Condividi
Nato a Sora (FR) il 20 gennaio 1990, ma residente a Roma per motivi di studio. Appassionato di calcio italiano e internazionale, con un debole per le curiosità statistiche e i campionati scandinavi.