Sampdoria, Rossi: “Mi aspetto l’atteggiamento delle ultime gare”

Intervenuto in conferenza stampa, l’allenatore della Sampdoria, Delio Rossi, si è pronunciato sul suo possibile rinnovo di contratto con la società blucerchiata e sulla partita di domenica contro il Parma di Donadoni.

La situazione infortunati? Stanno bene. Sono piccoli contrattempi tranne forse Pulsen e Berardi che non sono a disposizione. Gli altri sono disponibili. Adesso mancano due allenamenti e visto che la formazione la faccio la notte del sabato sera, vedremo”.

Che avversario si aspetta domenica? “Mi aspetto una squadra di valori, ma al di là del Parma mi aspetto una Samp che abbia l’atteggiamento delle ultime partite anche perchè questo campionato ce lo costruiamo con i match come il Parma”.

Le sue squadre che trend hanno nell’arco del campionato? Ti risponderei se avessi fatto la preparazione da luglio. La preparazione fisica ottimale in un periodo di un campionato non è importante che tu abbia dei picchi stile 100%, 130%, ma che tu abbia un costante 70, 80%”.

Le parole del Presidente Garrone? “Innanzitutto vorrei fare i miei auguri al Presidente perchè è un passo, una responsabilità importante succedere a presidenti che hanno fatto molto. È avvantaggiato dal fatto che è tifoso e dovrà coniugare raziocinio e cuore, ma ha tutte le caratteristiche per far bene in questa società. Volevo ringraziarlo per le sue parole, non tanto per il professionista ma per l’uomo”.

Il contratto? “Io ho firmato fino al 30 giugno. Nel contratto c’è scritto che prima di quella data ci saremo seduti ad un tavolo e discutere. Il Presidente mi ha chiamato dicendomi che vuole accelerare le cose, ma io gli ho detto che essendo ancora a metà del guado di parlarne più avanti”.

Il suo vice Limone? Non ho mai pensato che la vincessi io la domenica, forse è meglio che ci vada Limone in panchina visto che è più fortunato di me.

Il Parma? Non penso che siano in una situazione di classifica tale da venire qui e limitare i danni. Penso che vengano qui a giocare la partita”

La coppia Eder-Sansone? “Ho 4 punte e a seconda delle situazioni compio delle scelte. Hanno tutti caratteristiche diverse, l’importante che stiano tutti e 4 bene. Vista la partita con gli Allievi non stanno bene nessuno dei due”.

Palombo? “Anche lì è lo stesso discorso delle punte. Palombo era già a disposizione da domenica, ma gli ho voluto dare una settimana in più di lavoro”.

La squadra ha ancora margini di miglioramento? “Secondo me questo gruppo ha ancora margini di miglioramento nell’ambito di migliorare lo stile di gioco, in termini di gioco. Per dare un gioco alla squadra servono anche anni. Sicuramente da un punto di vista mentale stai meglio, l’importante è non pensare di essere diventati bravi. Il miglioramento sta nell’alzare costantemente l’asticella”.

Fonte: sampdorianews.net

Condividi
Nato a Terracina il 1º Agosto 1985, ama il calcio e i numeri 10 che sin da bambino hanno condizionato la sua vita. Alla sua prima collaborazione con una testata sportiva. Dal 2011 vive a Barcellona. Email: aiacomino@mondosportivo.it