Coppa di Francia, ottavi di finale: avanti PSG e Saint Etienne, Bordeaux per un soffio

Serate infrasettimanali di calcio francese, con gli ottavi di finale della Coppa di Francia. Non ci sono state sorprese, con le “big” tutte avanti, anche se in alcuni casi con fatica.

Il Paris Saint-Germain di Carlo Ancelotti non ha avuto difficoltà ad eliminare con un secco 2-0 l’Olympique Marsiglia, al Parc des Princes, dove si è anche assistito a un curioso siparietto tra Joey Barton e Zlatan Ibrahimovic. Bella vittoria e qualificazione per l’Evian, che ha battuto il Le Havre in casa 3-1, mentre il Saint-Étienne è riuscito a piegare la resistenza del Lille con un 3-2 finale che vale l’accesso ai quarti.

Quarti di finale anche per il Bordeaux che, però, se l’è vista molto brutta, sul campo del Raon l’Etape, squadra di Championnat de France Amateur, il quarto livello della piramide calcistica francese. I girondini hanno conquistato la qualificazione soltanto ai calci di rigore, dopo l’1-1 dei tempi regolamentari e il 2-2 alla fine dei 120 minuti.

Qui tutti i risultati, in basso il sorteggio del programma dei quarti di finale:

Martedì
Sochaux-Troyes: 1-2 (10′ Bahebeck (T), 89′ Faussurier (T), 90’+4 rig. Boudebouz (S))
Evian-Le Havre: 3-1 (25′ e 49′ Bérigaud (E), 81′ Rivière (L), 90’+2 Khelifa (E))
Saint Étienne-Lille: 3-2 (33′ Baša (L), 44′ aut. Chedjou (S), 50′ Aubameyang (S), 75′ Brandão (S), 82′ Kalou (L))

Mercoledì
Lorient-Brest: 3-0 (64′ Écuélé Manga, 70′ e 90’+1 Aliadière)
Raon l’Etape-Bordeaux: 2-2, 3-5 dcr (58′ Obraniak (B), 64′ Dje (R), 98′ Keita (R), 113′ rig. Diabaté (B))
Vénissieux-Nancy: 0-2 dts (107′ Moukandjo, 120′ Ayasse)
PSG-Olympique Marseille: 2-0 (35′ e 64′ rig. Ibrahimovic)

Giovedì
Lens-Epinal: 2-0 (9′ rig. Valdivia, 21′ aut. Mangan)

+

Programma quarti di finale, martedì 16 aprile
Lens-Bordeaux
Troyes-Nancy
Saint Etienne-Lorient
Evian-PSG

Condividi
Torinese, classe 1983. Da piccolo voleva vedere Wembley e il Maracanã, gli manca ancora il secondo. Toro e Arsenal nel cuore, sta fra un tackle di Gilberto Silva e Tony Adams che chiama il fuorigioco.