Novara, Aglietti: “Salviamoci in fretta e poi…”

Alfredo Aglietti ha rigenerato il Novara. Con la venuta dell’ex tecnico dell’Empoli, Gonzales e compagni hanno un’altra marcia. La piazza ha rincominciato a sognare, perciò in conferenza stampa c’è bisogno di un buon “pompiere”. Il sito ufficiale del club piemontese riporta le parole con cui l’allenatore ha introdotto la sfida di domani contro la Ternana: “Partita difficile, di fronte una squadra combattiva con lo spirito giusto. Se non entriamo in campo con cattiveria può diventare dura. Abbiamo ricevuto tanti complimenti, forse troppi: la nostra situazione è ancora in divenire, dobbiamo cercare sempre il meglio e non adagiarci.”

“Pensiamo ad una partita alla volta, sarà importante l’atteggiamento. Turni infrasettimanali ci hanno portato sempre molto lontano da Novara. Non è stato e non sarà semplicissimo. Domani ci alleneremo a Terni, smaltiremo il viaggio: siamo professionisti e vogliamo entrare in campo con l’atteggiamento giusto, senza cali di attenzione. Ci abbiamo messo molto a costruire una situazione importante, ci vuole poco a rovinare tutto.”

“Playoff? Quando sono arrivato c’era grande paura della retrocessione. Adesso dopo due mesi di buoni risultati si parla di playoff, poi alla prima sconfitta torna qualche critica. Dobbiamo essere consapevoli che il nostro unico obiettivo sarà mantenere la categoria. Ci va equilibrio, i tifosi è giusto che sognino, ma noi non dobbiamo pensare che il nostro obiettivo sia cambiato.”

“A me piace parlare di gruppo: i singoli stanno facendo bene, ma proprio perché il collettivo sta esaltando le qualità di tutti i giocatori, dai più giovani ai più esperti. Ma dovremo metterci ancora l’elmetto, per lottare e raggiungere in fretta la salvezza. La Serie B è un campionato stranissimo: dobbiamo tenere i piedi per terra, se non siamo ben concentrati si può ricadere in situazioni non felici”.

Condividi
Scrive per "Il Quotidiano della Calabria" e "Il Crotonese". Classe '92 ma già con una discreta esperienza alle spalle: ha collaborato con diversi siti internet e anche con la romana Radio Ies. Tra i superstiti del primo MP.