La Transilvania non fa paura, l’Inter passa il turno

Giornata di ordinaria amministrazione per gli uomini di Stramaccioni, che sconfiggono un modesto Cluj grazie alla doppietta di Guarin e alla rete di Benassi allo scadere: il colombiano fa tutto nel primo tempo, mentre il giovane della primavera nerazzurra trova la gioia a qualificazione già ottenuta.

Stramaccioni non vuole sorprese e schiera la miglior squadra possibile, con Cassano unica punta supportato da Alvarez, Palacio e Guarin. Il Cluj crede invece nella rimonta, e spera nelle reti del tandem Maah-Rui Pedro. L’entusiasmo dei tifosi rumeni si fa sentire, e dopo pochi minuti proprio Rui Pedro spaventa Handanovic con un destro che esce di poco: la risposta dell’Inter, invece, arriva tramite contropiede, ma Cassano sciupa tutto sparando sopra la porta difesa da Felgueiras. Muresan alza bandiera bianca ed è costretto a uscire, ma la svolta vera la segna Alvarez: l’argentino prima si esalta con un doppio dribbling e poi lancia Palacio, bravo a servire Guarin che, a porta vuota, non ha difficoltà a realizzare il gol del vantaggio. Sepsi prova a scuotere i suoi con un sinistro che lambisce il palo, ma sempre Guarin, con la complicità di Felgueras, fa game, set and match: 2-0 per i nerazzurri.
Nella ripresa il tecnico romano decide di far riposare Palacio, complice il risultato favorevole: gli ospiti provano a pungere la difesa ospite soprattutto con la velocità di Maah, bravo a cercare costantemente la profondità alle spalle di Ranocchia. Kapetanos non convince, mentre Hora e Camora vanno vicini al pareggio, entrambi ostacolati soltanto da uno strepitoso Handanovic. Nel finale c’è il tempo di assistere all’espulsione di Camora, reo di aver steso Benassi lanciato a rete: lo stesso italiano, poco più tardi, avrà lo stesso l’occasione di segnare la sua prima rete da professionista, trafiggendo il portiere portoghese del Cluj. Finisce così, l’Inter passa agli ottavi di Europa League, dove incontrerà il Tottenham di Gareth Bale.

CLUJ-INTER 0-3 (0-2)

Cluj (5-3-2): Felgueiras; Ivo Pinto, Cadu, Piccolo, Rada (36′ Kapetanos), Camora; Godemeche, Muresan (9′ Hora), Sepsi; Maah, Rui Pedro (71′ Diogo Valente). A disp.: Stancioiu, Maftei, Bjelanovic, Celestino. All.: Paulo Sergio.
Inter (4-2-3-1): Handanovic; Zanetti, Ranocchia, Juan Jesus, Pereira; Cambiasso, Kovacic; Alvarez (54′ Pasa), Guarin (66′ Mbaye), Palacio (46′ Benassi); Cassano. A disp.: Belec, Gargano, Chivu, Terrani. All.: Andrea Stramaccioni
Arbitro: Pawel Gil (POL)
Marcatori: 22′, 45+3′ Guarin (I), 89′ Benassi (I).
Note – Ammoniti: Kapetanos, Cadu (C), Kovacic (I). Espulsi: Camora (C) per fallo da ultimo uomo.

Condividi
Nato a Genova nel maggio 1992; è un appassionato di calcio, basket NBA e pallavolo (sport che ha praticato per molti anni). Frequenta la facoltà di Scienze Politiche, indirizzo amministrativo e gestionale. Email: alelli@mondosportivo.it