Grecia: spettacolare derby di Creta, il Platanias schianta l’OFI 3-1

Il Platanias gioca in maniera dinamica e intelligente e imbriglia un OFI che non demerita, ma che paga i suoi errori in copertura. Ora i bianco-rossi staccano la zona retrocessione di 4 punti, mentre la compagine di Heraklion rimane ferma a 26 punti, una quota più che buona in vista salvezza.

 

CRETA BRILLA DI LUCE PROPRIA: CHE DERBY! Anche in assenza dell’Ergotelis, altra squadra di Heraklion retrocessa lo scorso anno, allo Yedi Kule si respira l’aria da derby, poiché il Platanias sempre una cretese è e, pertanto, il pubblico è quello delle grandi occasioni.
Giannis Petrakis conferma il 4-4-2 classico con Perogamvrakis e Papazoglou in avanti, mentre Anastasiadis opta per il 4-3-3 da arrembaggio, con particolare attenzione alla velocità delle ali.
Infatti passano appena due minuti che Kalajdzic va al cross e Moniakis, nel tentativo di depositare sul fondo, si ritrova a segnare un autogol in scivolata che, se solo fosse stato nella porta giusta, sarebbe diventato uno dei più bei gol della giornata.
Va detto che l’OFI prova di più a imbastire le azioni, ma è preda dell’ottima tattica della truppa di Chania, che si chiude bene e riparte ancor meglio. Al 14′ Gonzalez fa una gita nella metà campo avversaria e spara un bolide di poco alto, mentre poco dopo Papazoglou spreca un’azione da pareggio.
Al 22′, ecco il fantastico 2-0, tutto di prima: pregevole trinagolazione tra Nazlidis e Kalajdzic, col greco che mette in mezzo per Giannou, che fulmina Agrimakis.
Dalla mezz’ora in poi rispuntano i padroni di casa, ma restano da segnalare una fucilata di Moniakis per questi ultimi e uno splendido tiro al volo di Aguilera, per gli avversari.
La ripresa vede in campo un OFI rigenerato, che crea quattro occasioni in pochi minuti e il gol dell’1-2 arriva al 49′: Veron scodella in area una punizione, Souza appoggia in mezzo, dove Mohamed Sarr arresta il pallone di petto e fulmina Kipouros con un gran tiro al volo.
La partita si mantiene frizzante, con tante azioni pericolose e molto dinamismo, ma al 63′ il già ammonito Bourbos cade in area, per l’arbitro è simulazione e il centrocampista viene espulso, lasciando i padroni di casa in dieci.
Nonostante questo, i ragazzi di Petrakis cercano costantemente il pareggio, avendo anche una buona occasione grazie a una punizione di Ricardo Veron, ma questo comporta il rischio di potersi scoprire. Infatti, puntuale come le tasse, arriva il 3-1: Nazlidis traccia un’apertura millimetrica per Markos Maragoudakis che, a tu per tu con Agrimakis, carica il destro e insacca.
Dopo altre conclusioni e molto agonismo, si conclude un derby spettacolare e molto emozionante, proprio ciò di cui c’era bisogno per risollevare un turno di Super League caratterizzato da pioggia, campi pesanti e poche reti.

 
OFI – PLATANIAS: 1-3 (0-2).
OFI (4-4-2): Agrimakis; Ioannidis (26′ Zorbas; 88′ Zacharakis), Souza, Sarr, Moniakis; Koutsianikoulis, Lampropoulos (84′ Kanoulas), Veron, Bourbos; Perogamvrakis, Papazoglou. A disp.: Kourdakis, Gounaridis, Makris, Vitoros. All.: Petrakis.
Platanias (4-3-3): Kipouros; Dimitris, Potouridis, Castells, Gonzalez; Dentsas (54′ Stoller), Kalajdzic, Aguilera (90’+1 Mirceta); Nazlidis, Anastasakos, Giannou (68′ Maragoudakis). A disp.: Argyropoulos, Kourtesiotis, Lazaridis, Marcelo Labarthe. All.: Anastasiadis.
Arbitro: Stavros Tritsonis.
Marcatori: 2′ aut. Moniakis (P), 22′ Giannou (P), 49′ Sarr (OFI), 83′ Maragoudakis (P).
Note: ammonizioni: Sarr, Bourbos, Papazoglou, Kanoulas (OFI), Castells, Potouridis, Gonzalez, Maragoudakis (P). Espulsioni: 63′ Bourbos (OFI).

Condividi
Pavese classe '91, laureato in scienze politiche, per lui lo sport è uno specchio su cui si riflette la storia di un popolo. Stregato dal calcio inglese e greco, ama la politica, l'heavy metal e il whiskey. Email: fpiacentini@mondosportivo.it