Le pagelle di Fiorentina-Inter. Viola show, nerazzurri a picco

La Fiorentina rilancia le sue ambizioni Champions schiantando l’Inter 4-1. Montella ridisegna il modulo e stravince la sfida con Stramaccioni, con una partita praticamente perfetta contro un’Inter imbarazzante.

fiorentina logoFIORENTINA

Viviano 6: L’unico a procurargli qualche brivido è Tomovic con un paio di retropassaggi pericolosi. Sul gol non può nulla.

Tomovic 6: Non proprio a suo agio nella posizione di terzino, ma trascorre una serata di puro relax.

Rodriguez 7: Giganteggia in difesa, chiudendo ogni minimo spiraglio. Perfetto.

Savic 6.5: Disinnesca Palacio con facilità irrisoria. Si becca un giallo evitabile.

Cuadrado 7.5: Devastante. Sembra viaggiare su binari preimpostati come un tram. Gli avversari semplicemente non lo prendono. (Llama sv).

Aquilani 7.5: Partita sontuosa, con quella pennellata che è poesia pura. Il suo tacco sul 3-0 entra negli annali come la “rabona” di San Siro.

Pizarro 6.5: Non eccelle in particolare, alternando grandi giocate a errori di misura. Comunque nel complesso è troppo importante per i viola. (Sissoko 6: Di stima. Bentornato in A!).

Borja Valero 7: Uomo ovunque. Appena c’è un buco da tappare, lui arriva. Se Viviano abbandonasse all’improvviso la porta, siamo sicuri che dal nulla tirerebbe fuori un paio di guanti. 

Pasqual 7: Spiana la fascia sinistra con costanza, aprendo l’Inter in due su quell’out.

Ljajic 7.5: Una delle chiavi della vittoria. Al di là dei gol pesantissimi, si piazza tra le linee svariando su tutto il fronte. E la difesa nerazzurra va al manicomio.

Jovetic 8.5: Ha la fame di uno che non mangia da giorni e che viene messo di fronte a una tavola imbandita. Due gol, un assist e tante giocate super. (El Hamdaoui 6: Sfiora il gol. Handanovic non gli permette di aggiungersi alla festa).

All. Montella 8: Prepara l’esca per Stramaccioni: partenza col solito 3-5-2, poi dopo 5 minuti via con il 4-3-3 e gli avversari soccombono miseramente sotto i colpi della sua truppa.

 

logo InterINTER

Handanovic 6.5: Un po’ troppo fermo sul gol del 4-0, ma se non ci fosse lui, forse l’esito sarebbe stato ancor più doloroso per i nerazzurri.

Zanetti 5: In una serata disastrosa, anche il capitano si mescola nell’anonimato, sbagliando cose non da lui. Non riesce a porre freno alcuno a Pasqual.

Ranocchia 4.5: Svagato, incerto, irriconoscibile.

Juan Jesus 5.5: Almeno ci mette la garra fino all’ultima azione, anche troppa forse, quando rischia il rosso per una gomitata a Jovetic.

Nagatomo 5: Cuadrado in difesa lo asfalta ogni volta. Prova a farsi vedere davanti, ma la serata non è quella giusta.

Cambiasso 5: A destra sembra inquadrato come un marine al festival di Woodstock. A sinistra comunque il risultato non è che cambi più di tanto.

Kovacic 5.5: Non la miglior gara per confermare le belle cose viste contro il Cluj. Almeno difficilmente perde palla. (Alvarez 5.5: Dà l’impressione di poter inventare qualcosa. Quando deciderà di metterci più convinzione, non sarà mai troppo tardi).

Kuzmanovic 5.5: Sfiora il gol con una bella staffilata. Anche lui soccombe alla marea viola.

Guarin 5: Parte abbastanza bene, poi conferma una delle sue debolezze. Quando la gara s’innervosisce, diventa pressoché inutile. (Pereira 5.5: Si nota solo per un fallo gratuito su Jovetic a interrompere gli olé del Franchi).

Palacio 5: Impalpabili. Bruttissima risposta a chi si aspettava continuità dopo la doppietta europea. (Schelotto sv).

Cassano 6: Unico, oltre ad Handanovic, a meritare la sufficienza. Per il gol e non solo. E’ uno dei pochi a crederci.

All. Stramaccioni 4.5: Sconfitto in maniera netta, che più netta non si può. Sembra non riuscire a leggere la partita e per i suoi si concretizza una serata da incubo.

Condividi
Nato a Roma nel 1986, laureato in Management delle Imprese Sportive. Nella vita un solo obiettivo: raccontare lo sport; il calcio in particolare. Attualmente collaboratore di bettingisland.it e tuttochampions.it. Email: sgiovampietro@mondosportivo.it